Positivo un bimbo di 4 anni nel Lazio, aumentano i casi tra i più giovani

0
8

Nella giornata di ieri è stato trovato positivo al Coronavirus un bimbo di 4 anni: si registra un lieve aumento dei casi tra i più giovani.

Nel corso del consueto aggiornamento giornaliero della task force sull’emergenza Coronavirus nel Lazio, sono stati condivisi i dati sul contagio nella Regione. Nella giornata di ieri sono stati 99 i casi registrati in tutto il Lazio, 47 dei quali solo nella Capitale. Al momento sono 201 i pazienti ricoverati allo Spallanzani, dei quali solamente 18 hanno bisogno di un respiratore. Notizie positive riguardo ai pazienti dimessi che sono saliti a 324, dopo i test negativi. L’assessore alla Sanità D’Amato ha spiegato che per il momento il tasso di incremento è inferiore al 20%: “ma nei prossimi giorni ci aspettiamo un lieve incremento”.

Leggi anche ->Roma, paura tra le suore: 59 casi in poche ore, isolati due conventi

Per quanto riguarda invece le altre province si teme che si possano creare nuovi focolai. Nel frusinate, ad esempio, i casi sono saliti a 106. A Fondi, invece, c’è stato un boom di casi (40 in un solo giorno per un comune che fa 39 mila abitanti). La cosa ha preoccupato il comitato tecnico-scientifico ed ha portato ad isolare il comune.

Leggi anche ->Fondi, boom di casi di Coronavirus: vietato accesso e uscita dal Comune

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Positivo bimbo di 4 anni nel frusinate, 3 bambini positivi al Bambin Gesù

Sempre nel corso del meeting sull’emergenza è emerso il contagio di un bimbo di 4 anni residente a Frosinone. Sul piccolo l’assessore D’Amato ha detto: “Positivo un bambino di 4 anni, previsto trasferimento all’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, sede di Palidoro”. Proprio al Bambin Gesù, nei giorni scorsi, era stato trovato positivo un bimbo di appena 5 mesi. Sul piccolo emergono notizie incoraggianti: “è in buone condizioni” spiegano dall’ospedale romano. In queste ore è giunta la positività di altri due bimbi: “Positivi anche un bambino di 8 mesi e un bambino di 6 anni trasferito dalla Regione Marche”. Si tratta di un lieve incremento nei casi tra i più giovani, del quale al momento non ci si deve preoccupare.