Home News Coronavirus, a Roma sono arrivati specialisti e forniture dalla Cina

Coronavirus, a Roma sono arrivati specialisti e forniture dalla Cina

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:25
CONDIVIDI

Nella notte è sbarcato a Roma un aereo carico di forniture mediche dalla Cina. Insieme agli aiuti materiali sono giunti anche 9 specialisti.

Nei giorni scorsi il ministro degli Esteri Luigi Di Maio aveva annunciato l’accordo con il collega cinese Wang Yi sull’arrivo di forniture mediche dalla Cina. Gli aiuti sanitari sono giunti nella notte a Roma. Ad accogliere i volontari della croce rossa cinese e italiana c’era l’ambasciatore cinese Li Junhua. All’interno dell’Airbus c’erano 9 bancali contenenti ventilatori, materiali respiratori, elettrocardiografi, decine di migliaia di mascherine e altri dispositivi sanitari.

Leggi anche ->Francia, il Coronavirus fa paura anche lì | Macron chiude le scuole

Nell’accordo firmato dai  due ministri degli Esteri non c’era solo la fornitura di mascherine, ma anche l’arrivo di specialisti che hanno combattuto efficacemente l’epidemia a Wuhan. Per questo ieri sera all’aeroporto di Roma hanno fatto il loro ingresso anche 9 medici che con la loro esperienza potranno aiutare i colleghi italiani a fronteggiare meglio l’emergenza sanitaria.

Leggi anche ->Coronavirus, chiude l’aeroporto di Milano Linate

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Coronavirus: la Cina ci invia aiuti sanitari e medici specialisti

Ieri sera il presidente della Croce Rossa italiana, Francesco Rocca, ha commentato l’arrivo del materiale sanitario e degli specialisti cinesi in Italia. Nel farlo ha spiegato: “Anche se temporaneo, in questo momento proviamo un po’ di sollievo. Di queste mascherine c’è un disperato bisogno, c’è bisogno dei ventilatori che la Croce Rossa donerà al governo. Si tratta sicuramente di una donazione significativa, in questo momento, per il nostro Paese”. Rocca successivamente esprime un commento anche sull’importante arrivo dei ricercatori cinesi: “Arrivano dei ricercatori, dei professori universitari, dei medici che sono stati in prima linea nell’epicentro, a Wuhan. E’ importante lo scambio di esperienze tra loro ed i nostri ricercatori. Collaborare è importante per riuscire a sconfiggere quanto prima il Coronavirus”.