Home News Coronavirus, le radiografie ai polmoni: “Conseguenze drammatiche”

Coronavirus, le radiografie ai polmoni: “Conseguenze drammatiche”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:41
CONDIVIDI

Le radiografie ai polmoni di alcuni pazienti adulti, ma non anziani, risultati positivi al Coronavirus, i danni: “Conseguenze drammatiche”.

Diverse immagini a raggi X mostrano il danno che il Coronavirus sta causando ai polmoni delle persone che risultano positive al morbo potenzialmente mortale. Le immagini sono state messe online dal sito del Mirror.

Leggi anche –> Coronavirus, 2mila denunce: “C’è chi se ne vanta su Facebook”

I medici sono stati in grado di identificare anomalie specifiche causate da Covid-19 simili a quelli riscontrati nei pazienti con epidemie di SARS e MERS.

Leggi anche –> Ricciardi sulle misure contro il Coronavirus: “Guerra lunga, fino all’estate”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

I danni ai polmoni da Coronavirus: le immagini delle radiografie

I risultati degli esperti potrebbero portare a una diagnosi più rapida e aiutare a prevenire le infezioni. Le radiografie di una donna di 54 anni che ha contratto il Coronavirus a Wuhan mostrano chiazze bianche nei suoi polmoni. Nelle successive radiografie queste macchie, simili a del vetro smerigliato, danno l’impressione di allargarsi. La donna è stata ricoverata in ospedale dopo aver avuto la febbre per una settimana, tosse, affaticamento e congestione del torace.

In un altro caso, un uomo di 44 anni, che lavorava al mercato del pesce di Wuhan, dove si pensa che il virus sia passato agli umani, è andato in ospedale dopo aver sofferto di febbre alta e tosse per quasi due settimane il 25 dicembre scorso anno. Una TAC al torace ha mostrato macchie simili a dei cerotti che poi sembravano allargarsi. L’uomo morì dopo una settimana. Una donna di 45 anni della provincia di Sichuan in Cina è stata diagnosticata positiva dopo il ritorno dal Giappone e lo sviluppo di febbre, tosse e dolore al petto. Secondo gli esperti, radiografie e TAC consentono di avere risultati precisi su come il Coronavirus si sviluppa. Quello che ci mostrano questi casi è anche che se è vero che la malattia ha una mortalità elevata tra gli anziani, non è altrettanto vero che non lasci strascichi sui più giovani.