Emergenza Coronavirus, gli Stati Uniti bloccano i viaggi dall’Europa, escluso il Regno Unito

0
2

Emergenza Coronavirus, gli Stati Uniti bloccano i viaggi dall’Europa, escluso il Regno Unito. L’annuncio nel messaggio alla nazione di Donald Trump.

emergenza coronavirus stati uniti europa
L’aeroporto JFK di Ne York ai tempi del Coronavirus (Spencer Platt/Getty Images)

Mentre l’epidemia di Coronavirus si diffonde nel mondo e l’Organizzazione Mondiale della Sanità dichiara ufficialmente la pandemia, i Paesi iniziano ad introdurre misure più stringenti per arrestarne o almeno rallentarne la diffusione.

L’Italia ha ulteriormente rafforzato le misure di contenimento, aumentando le attività e i negozi chiusi al pubblico. Anche gli altri Paesi europei, criticati dall’OMS per aver fatto troppo poco, stanno cominciando a introdurre misure restrittive, tra chiusura delle scuole e sospensione della manifestazioni.

Il virus si sta diffondendo anche negli Stati Uniti e nella notte americana, le prime ore del giorno in Europa, il presidente Donald  Trump si è rivolto ai suoi concittadini con un messaggio video dalla Studio ovale della Casa Bianca. Trump ha annunciato che l’epidemia di Coronavirus è stata dichiarata una pandemia globale dall’OMS e che il governo americano insieme al settore privato lavorerà a pieno regime per proteggere il popolo americano.

Il residente Usa, quindi ha annunciato le misure per contenere la diffusione del virus negli Usa, a cominciare dal blocco dei viaggi dall’Europa. Ecco cosa bisogna sapere.

Leggi anche –> Coronavirus in Italia: i Paesi europei che ci hanno chiuso i confini

Emergenza Coronavirus: stop dagli Stati Uniti ai viaggi dall’Europa

Nel rivolgersi alla nazione, con un discorso trasmesso in diretta dallo Studio Ovale della Casa Bianca, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato ufficialmente l’inizio della battaglia contro il nuovo Coronavirus (la malattia Covid-19 provocata dal virus il cui nome ufficiale è Sars-Cov-2).

Trump ha spiegato ai suoi cittadini che il governo federale e il settore privato sono fortemente impegnati nel contrasto di quella che è stata appena dichiarata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità una pandemia globale. Un’emergenza sanitaria che richiede lo sforzo di tutti. In un discorso in cui non è mancata la retorica, il Presidente Usa ha esaltato le strutture e i mezzi del suo Paese: “Il nostro team è il migliore ovunque del mondo“. Trump ha poi rivendicato l’adozione delle restrizioni di viaggio adottate all’inizio dell’epidemia nei confronti dei Paesi a rischio, a cominciare dalla Cina, dove il virus ha avuto origine.

“Abbiamo dichiarato un’emergenza di salute pubblica ed emesso l’allerta più elevata sui viaggi negli altri Paesi, mentre il virus si diffondeva”, ha detto Trump.

Quindi, il Presidente Usa ha annunciato ulteriori misure restrittive per proteggere la salute degli americani, concordate con i massimi esperti di salute del Governo. Per impedire l’ingresso di nuovi casi di Coronavius negli Stati Uniti, Trump ha annunciato il blocco di tutti i viaggi dall’Europa, escluso il Regno Unito, per la durata di 30 giorni. Il provvedimento entrerà in vigore alla mezzanotte di venerdì 13 marzo.

Dal blocco saranno esclusi i cittadini americani che tuttavia dovranno sottoporsi ai controlli sanitari al rientro nel Paese.

La decisione di Trump, presa unilateralmente, di bloccare i viaggi dall’Europa ha irritato i vertici dell’Unione europea.Il coronavirus è una crisi globale che richiede cooperazione piuttosto che un’azione unilaterale“, hanno dichiarato la presidente della Commissione Ue Ursula Von der Leyen e il presidente del Consiglio europeo Charles Michel.

Casi di coronavirus nel mondo

Nel frattempo, i casi di coronavirus nel mondo hanno superato le 125mila unità, con 126.660 contagi confermati. Di questi, 80.932 sono in Cina, quindi 12.462 in Italia (balzata al secondo posto nel mondo), 9.000 in Iran, 7.869 in Corea del Sud. Stanno salendo rapidamente anche i contagi in Europa: 2.284 casi in Francia, secondo Paese in Europa e quinto nel mondo, poi 2.277 in Spagna e 2.078 in Germania. Infine, all’ottavo posto nel mondo ci sono gli Stati Uniti con 1.321 casi; ma i contagi sono destinati ad aumentare nei prossimi giorni.

attrazioni prenotate america
New York, USA (iStock)