Home News Clinica paga i volontari per essere infettati con un coronavirus

Clinica paga i volontari per essere infettati con un coronavirus

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:28
CONDIVIDI

Una clinica britannica specializzata nella creazione di vaccini cerca volontari che si facciano infettare con un  coronavirus per sviluppare rapidamente un vaccino per il Covid-19.

In questo momento sono molteplici le strutture che studiano il Covid-19 allo scopo di trovare un vaccino che possa essere testato sugli esseri umani. In Gran Bretagna c’è una clinica specializzata nella sintetizzazione di vaccini che sta procedendo ad una pratica di creazione rapida di anti virali e vaccino. Tale pratica consiste nell’infettare dei soggetti sani con un virus non letale della famiglia dei Coronavirus, quindi testare su di essi i vaccini per il Covid-19 in fase sperimentale. L’idea è che se questi dovessero funzionare, non ci sarebbe motivo per pensare che non funzionino con la pandemia che sta circolando per il mondo.

Leggi anche ->Coronavirus vaccino | il Migal di Israele “Pronto in qualche mese”

Chiaramente prima di passare alla sperimentazione sugli esseri umani, i ricercatori effettueranno dei test sugli animali. Nei prossimi giorni 24 maiali della Guinea verranno infettati con un virus non letale della famiglia del Covid-19, dunque verranno testati gli effetti di un vaccino. Nel frattempo, però, si cercano già i volontari per la sperimentazione sugli esseri umani. La struttura offre loro 4000 sterline, ma i candidati dovranno avere delle caratteristiche che permettano di essere certi che la sperimentazione non sia dannosa per la loro salute.

Leggi anche ->Coronavirus: tra quanto tempo sarà pronto un vaccino – VIDEO

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Volontari infettati con un coronavirus per sviluppare rapidamente un vaccino per il Covid-19

Un inviato del tabloid britannico ‘Mirror‘ è stato ammesso alla struttura ed i responsabili del progetto gli hanno concesso in esclusiva (qui il link) dei dettagli su questa sperimentazione. Il responsabile della struttura Hvivo ha spiegato che si tratta: “Un passo critico per cercare di sviluppare rapidamente anti virali e vaccini. Stiamo cercando di utilizzare la nostra esperienza nel campo per vedere se possiamo dare una mano”. La clinica, aperta dal 2001, è una delle più efficienti nel sintetizzare vaccini.

L’esperto si affretta a sottolineare che chiaramente i pazienti verranno infettati da una forma non letale di coronavirus. Questo però non esclude: “Che se funziona (il vaccino, ndr) per questa non debba funzionare anche per il Covid-19”. In un secondo momento aggiunge: “La compagnia sta iniziando il processo per la creazione del primo modello di studio del Coronavirus nel mondo. In parole povere prendiamo una versione innocua del virus che possiamo usare e controllare”.

Sorprendentemente la clinica ha già ricevuto oltre 10.000 applicazioni di volontari che si vogliono sottoporre alla sperimentazione. Il medico a capo del progetto però specifica che ci saranno dei criteri di selezione rigidi: “Vogliamo solo pazienti che sono in una salute perfetta, così da essere sicuri che la malattia che iniettiamo possa essere controllata”.

Farmaco Coronavirus