Home News Italiani morti per il Coronavirus, chi sono: età e patologie

Italiani morti per il Coronavirus, chi sono: età e patologie

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:18
CONDIVIDI

Chi sono gli italiani morti per il Coronavirus: la loro età media e le patologie più comuni, i dati dell’Istituto Superiore della Sanità.

(MIGUEL MEDINA/AFP via Getty Images)

Molto si parla in questi giorni degli italiani morti per il Coronavirus: si spiega che erano in età avanzata e avevano patologie pregresse. Ma come stanno davvero le cose? “Posto che si muore sempre per un arresto circolatorio, tutti sono morti a causa del Coronavirus”, è la tesi del virologo Roberto Burioni.

Leggi anche –> Coronavirus Italia | Burioni “La verità sui morti è un’altra” FOTO

Invece, in molti sottolineano che chi è deceduto in questi giorni è morto con il Coronavirus, e non per esclusiva colpa di questo. Entrambe le tesi sono vere in parte, stando ai dati dell’Istituto Superiore di Sanità.

Leggi anche –> Essere genitori al tempo del Coronavirus: come si sopravvive?

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’identikit degli italiani vittime del Coronavirus

(MIGUEL MEDINA/AFP via Getty Images)

Se c’è infatti una prevalenza netta di persone anziane e con patologie pregresse che sono decedute, i dati dimostrano che non è questa una verità assoluta. Un’analisi sui dati di 105 pazienti italiani deceduti mostra che l’età media è di 81 anni e il 67.2% dei pazienti deceduti mostra almeno 3 patologie pregresse. C’è però un 15.5% del campione esaminato che presentava una o addirittura nessuna patologia.

La maggior parte dei decessi, pari al 42.2% del totale, si è verificata nella fascia di età tra gli 80 e gli 89 anni. Inoltre, le donne decedute sono in media più anziane degli uomini. i 3/4 dei pazienti deceduti soffrivano di ipertensione, sette su dieci di cardiopatia ischemica. Spiega Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto Superiore di sanità: “Si tratta di persone molto fragili, che spesso vivono a stretto contatto e che dobbiamo proteggere il più possibile”.