Coronavirus, uomo di 101 anni guarisce: “Devo prendermi cura di mia moglie”

0
1

Un uomo cinese di 101 anni è guarito dal Coronavirus. Appena dimesso dall’ospedale il suo primo pensiero è stato per la moglie rimasta a casa da sola.

Dalla Cina, epicentro del Coronavirus, arrivano una notizia positiva e una storia che fa bene al cuore. Il 4 marzo, infatti, il signor Dai, uomo di 101 anni, è guarito dal Coronavirus ed ha potuto fare ritorno a casa. Si tratta del paziente più anziano mai guarito dalla malattia, prima di lui il record apparteneva ad una donna cinese di 98 anni. Ma se il fatto che anche i più anziani possano guarire dalla polmonite da Covid-19 è un segnale di speranza, ciò che tocca le corde del cuore è la storia di quest’uomo.

Leggi anche ->Coronavirus Italia | nave da Genova ferma a Napoli | “casi sospetti a bordo”

Dai è stato ricoverato il 19 gennaio 2020 nell’ospedale Optics Valley, la terza struttura ospedaliera più grande della provincia di Wuhan. Alla febbre, presto si è aggiunta la polmonite e per lui è stato necessario un ricovero. Il timore dei medici, data l’età avanzata, era che il paziente non sarebbe riuscito a reagire positivamente alle cure.

Leggi anche ->Coronavirus, primo morto a Roma: ecco chi è

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Coronavirus: il signor Dai può finalmente tornare dalla moglie

Contrariamente alle aspettative, il signor Dai ha reagito rapidamente alle cure e nel giro di una settimana non presentava più sintomi. Gli sarebbe piaciuto tornare a casa subito, ma in base alle disposizioni date dal governo i medici lo hanno dovuto trattenere in quarantena altre due settimane. Dalle ultime analisi è risultato che la malattia non aveva lasciato nessuno strascico e gli hanno detto che era libero di andare. Lui ha ringraziato i medici ed ha detto loro: “Devo prendermi cura di mia moglie“. Il primo pensiero, probabilmente il più stressante per tutta la permanenza in ospedale, è stato rivolto alla salute della donna che ama, rimasta sola a casa per troppo tempo.