Home News Coronavirus, allarme anche in Francia: c’è la prima vittima

Coronavirus, allarme anche in Francia: c’è la prima vittima

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:59
CONDIVIDI

Allarme anche in Francia: c’è la prima vittima da Coronavirus nel Paese transalpino, dove i casi di contagio accertati sono a oggi pochissimi.

(MLADEN ANTONOV/AFP via Getty Images)

C’è una vittima del Coronavirus anche in Francia: si tratta di un insegnante di 60 anni di una scuola di Crépy-en-Valois, una cittadina ad un’ottantina di chilometri da Parigi, nel dipartimento de l’Oise.

Leggi anche –> Lione Juve | ipotesi porte chiuse per Coronavirus | FOTO

Si tratta di un fatto abbastanza particolare, perché a quanto pare l’uomo non aveva viaggiato nelle aree del contagio. Questo significa che sarebbe stato contagiato da un altro soggetto positivo.

Leggi anche –> Coronavirus, l’Italia mette paura: i Paesi che non ci vogliono

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Prima vittima di Coronavirus in Francia: scatta l’allarme

coronavirus contagi

Ora bisognerà capire se chi lo abbia contagiato è asintomatico e da dove proviene. Fatto sta che anche la Francia ora fa i conti direttamente con l’emergenza. Nel Paese transalpino c’era stata la prima vittima in territorio europeo, un turista cinese, quindi si tratta anche del primo caso di cittadino francese. L’uomo è morto nell’ospedale parigino di La Pitié-Salpêtrière nella notte tra il 25 e il 26 febbraio. Era stato ricoverato sei giorni fa al centro ospedaliero di Creil, poi trasferito a Parigi in condizioni gravissime.

Come misura preventiva, l’ARS Hauts-de-France ha iniziato a contattare tutti coloro che potrebbero essere stati in contatto con la vittima, in particolare i suoi parenti, il personale infermieristico dell’ospedale Creil, i pazienti e i colleghi. e gli studenti e i genitori delle quattro classi in cui ha insegnato educazione tecnica. Il professore era in congedo per malattia dal 12 febbraio compreso e non ha frequentato il collegio Jean-de-La-Fontaine da quella data. Questo dovrebbe aver ridotto il rischio contagio. A oggi i casi accertati in Francia sono appena 14, ma il numero potrebbe crescere esponenzialmente. Tra i casi più gravi, quello di un militare di 55 anni ammesso “in una grave situazione clinica” presso l’Ospedale Universitario di Amiens nella notte da martedì 25 febbraio a mercoledì 26 febbraio.