Harvey Weinstein riconosciuto colpevole di aggressione e stupro


Il noto produttore cinematografico Harvey Weinstein è stato giudicato colpevole nel processo che lo vedeva imputato per violenze sessuali: ora rischia da 5 a 25 anni di carcere. 

Colpevole di aggressione sessuale e stupro. Così ha deciso il tribunale chiamato a pronunciarsi sul produttore statunitense Harvey Weinstein nel processo che lo ha visto imputato per violenze sessuali. Il verdetto è arrivato dopo tre settimane di testimonianze in cui le accusatrici hanno denunciato abusi sessuali di vario tipo, tra cui stupri, rapporti orali forzati, palpeggiamenti. I sette giurati e le cinque giurate hanno impiegato cinque giorni per emettere la sentenza.

Leggi anche –> Weinstein, anche Jennifer Aniston lo accusa: “Voleva che mi spogliassi” 

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Fino a 25 anni di carcere per Harvey Weinstein

I verdetti di colpevolezza a carico di Harvey Weinstein sono per atto sessuale criminale di primo grado e stupro di terzo grado, mente dei tre verdetti di non colpevolezza due riguardavano l’accusa più grave, aggressione sessuale predatoria, che comportava una possibile condanna all’ergastolo.

Il noto produttore ora rischia da 5 a 25 anni di prigione per l’imputazione più grave di cui è stato riconosciuto colpevole, l’atto sessuale di primo grado sulla base delle accuse di Miriam Haley. Il 67enne potrebbe invece essere condannato fino a 4 anni di libertà condizionata per lo stupro di terzo grado di Jessica Mann, la seconda imputazione per cui è stato emesso un verdetto di colpevolezza. In attesa della sentenza, contro il parere dei difensori che avevano chiesto i domiciliari per motivi di salute, il giudice lo ha rinviato in carcere.

Leggi anche –> Harvey Weinstein arrestato, il noto produttore si è consegnato alla polizia di New York 

EDS