CONDIVIDI

Harvey Weinstein arrestato, il noto produttore si è consegnato alla polizia di New York. Sono note le accuse che negli ultimi mesi hanno sconvolto Hollywood, facendo finire all’interno di un vero e proprio scandalo il famosissimo produttore. Al momento però non era chiaro quale sarebbe stato il suo futuro e al momento sono confuse anche alcuni particolari legati al famosissimo produttore.

Harvey Weinstein arrestato

Secondo quanto riportato da Ansa Harvey Weinstein si sarebbe consegnato volontariamente alla Polizia di New York, immortalato all’uscita dalla centrale di polizia in manette. In una nota ufficiale la Nypd ha sottolineato come questi sia stato accusato di stupro, cosa per la quale è finito nei guai anche a Los Angeles e Londra. Nella nota in questione leggiamo anche il ringraziamento da parte della stessa Polizia che ha sottolineato come le vittime siano state coraggiose, ringraziandole di essersi fatte avanti per la ricerca della giustizia.

L’avvocato del noto produttore, Benjamin Brafman, non ha commentato la vicenda, volendo rimanere in silenzio sulla questione e sulla possibilità reale della volontà di consegnarsi da parte dello stesso. Ha solo specificato che in questo momento il suo assistito è davvero molto arrabbiato. Si parla di violenza sessuale su una donna e sull’aver obbligato un’altra donna a un rapporto orale. Le voci sono tante, ma questa sembra essere il primo confronto reale e che potrebbe portare a delle conseguenze per quanto riguarda la legge.

L’accusa che è arrivata nei confronti dell’uomo è stata dettata dall’attrice Lucia Evans che ha sottolineato di essere stata violentata nel 2004. Il rinvio a giudizio potrebbe essere il primo. L’uomo aveva fino a questo momento negato a ogni possibile addetto, sottolineando di non aver mai avuto rapporti sessuali con persone non consensuali. Una situazione difficile da capire al cento per cento e che dovrà portare a degli avvertimenti, ma che arriva a questo momento a un punto di svolta davvero molto importante.