Home News Terzo contagio da Coronavirus in provincia di Pavia: la Lombardia è blindata

Terzo contagio da Coronavirus in provincia di Pavia: la Lombardia è blindata

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:05
CONDIVIDI

Terzo caso di contagio da Coronavirus in provincia di Pavia. La Lombardia si ferma: chiuse scuole e Università a Milano.

E’ stato accertato poche ore fa il terzo caso di contagio da Coronavirus in provincia di Pavia. Lo ha comunicato su Facebook Elia Grossi, sindaco di Santa Cristina e Bissone, località che conta con poco meno di 2mila abitanti. Grossi ha scritto: “Il paziente è ricoverato da sabato nel reparto Infettivi del San Matteo di Pavia, e le sue condizioni cliniche sono buone. La notizia positiva è che la figlia, che vive a suo stretto contatto, è invece risultata negativa”. Nella stessa zona era risultata positiva al virus anche una coppia di medici di Pieve Porto Morone, anche loro ricoverati al San Matteo.


Potrebbe interessarti anche –> Scappa da Codogno per tornare in Irpinia, tutta la famiglia in quarantena per Coronavirus

Coronavirus, chiuse scuole e Università a Milano

notre-dame duomo milano

Nel frattempo tutte le scuole di Milano chiuderanno da lunedì 24 febbraio, per una settimana. La decisione è stata presa dal sindaco Beppe Sala per rispondere all’emergenza del virus, che in pochissimi giorni ha contagiato 89 persone in Lombardia. Per questo motivo stamattina il sindaco milanese ha comunicato dalla Prefettura: “A livello prudenziale penso che le scuole vadano chiuse a Milano. Proporrò al presidente di regione di allargare intervento a livello di città metropolitana. È un intervento prudenziale, lontano da noi l’idea di scatenare psicosi. La chiusura è per una settimana, ritengo e spero sia sufficiente (…) Cercheremo di dare applicazione a quello che ha deciso il consiglio dei ministri“. A Milano e in tutta la Lombardia sono state chiuse anche le Università: in nessun ateneo milanese si svolgeranno esami e lezioni, almeno fino a lunedì 2 marzo. Per il momento restano aperti tutti gli uffici pubblici. Il Prefetto Renato Saccone ha comunque invitato i cittadini alla massima prudenza, spiegando che ci si preoccuperà di non avere troppe persone in attesa nella stessa stanza.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!