Home Dove, come e quando Quando è Pasqua e perché la data cambia sempre

Quando è Pasqua e perché la data cambia sempre

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:35
CONDIVIDI

Come si calcola la data di Pasqua. Perché varia ogni anno e quali sono la data di Pasqua dei prossimi anni

data di Pasqua
Perché la data di Pasqua cambia sempre?

 

Vi sarete domandati spesso: quando cade Pasqua quest’anno? Infatti a differenze di altre festività che hanno un giorno prestabilito sul calendario la data di Pasqua è mobile. Se sappiamo tutti che Natale è sempre il 25 dicembre andiamo ogni volta in difficoltà a calcolare quando è Pasqua: infatti a meno di controllare un calendario è impossibile stabilirlo. Ma c’è una ragione perché la data di Pasqua cambia ogni anno.

Pasqua è una festività importantissima per il Cristianesimo, ha un profondo significato, convoglia in sé antichissime tradizioni – a partire dal suo nome. Sin dai primi culti pagani il periodo di inizio primavera è sempre stato vissuto come un momento di rinascita. La terra infatti torna a germogliare dopo i rigori dell’inverno: tornano gli alberi sui frutti, i fiori sbocciano, il sole torna protagonista. La Pasqua è quindi rinascita.

Leggi anche-> Il vero significato della Pasqua: dalla storia all’uovo di Pasqua

Il significato etimologico della parola Pasqua deriva dall’ebraico ‘pasah’ passare oltre. La Pasqua ebraica celebra per volere di Dio la fine della schiavitù in Egitto del popolo ebraico e il loro esodo verso la Terra Promessa. Il ‘passaggio’ è ripreso dai Cristiani.

Perché la data di Pasqua cambia?

La data di Pasqua cambia ogni anno perché si segue un particolare calendario per definire il giorno in cui cade. La Pasqua Cristiana trae origine dalla Pasqua Ebraica la quale segue il calendario lunare. Questo segue i cicli lunari che ovviamente cambiano ogni anno. E ciò già spiega il perché la data sia mobile.
Ma c’è di più.

Il Concilio di Nicea del 325 d.C. presieduto da Costantino I fu il primo Concilio e volle dare uniformità del credo e stabilire delle regole. Venne quindi deciso che la Pasqua sarebbe caduta sempre la domenica successiva al primo plenilunio dopo l’equinozio di Primavera. Essendo l’equinozio di primavera il 21 marzo Pasqua può essere una domenica compresa tra il 22 marzo e il 25 aprile. C’è da dire inoltre che il calendario lunare seguito tuttora dalla Chiesa è leggermente diverso dal calendario astronomico ufficiale, ovvero l’equinozio è fissato al 21 marzo mentre sappiamo oggi che può oscillare dal 20 al 22 marzo.

Le date di Pasqua per i prossimi anni

Per poter stabilire quindi quando è Pasqua bisogna sapere quando c’è la Luna Piena. Se si conosce il calendario lunare e si sa che bisogna prendere la prima domenica dopo il primo plenilunio di primavera il gioco è fatto. Nel frattempo abbiamo segnato per voi le date delle prossime pasqua.

In base a quando cade Pasqua la si definisce bassa, media e alta. Bassa lo è se cade fra il 22 marzo e il 2 aprile, media se è fra il 3 e il 13 aprile, alta fra il 14 e 25 aprile.

Pasqua 2020: 12 aprile
Pasqua 2021: 4 aprile
Pasqua 2022: 17 aprile
Pasqua 2023: 9 aprile
Pasqua 2024: 31 marzo
Pasqua 2025: 20 aprile
Pasqua 2026: 5 aprile
Pasqua 2027: 28 marzo
Pasqua 2028: 16 aprile
Pasqua 2029: 1 aprile
Pasqua 2030: 21 aprile
Pasqua 2031: 13 aprile
Pasqua 2032: 28 marzo
Pasqua 2033: 17 aprile
Pasqua 2034: 9 aprile
Pasqua 2035: 25 marzo

CONDIVIDI
Articolo precedentePechino Express, Francesca De Andrè attacca Gennaro Lillio
Articolo successivoEros Ramazzotti beccato con la nuova fiamma, scopriamo chi è
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.