Home News Roma, metro a numero chiuso per i problemi alle scale mobili

Roma, metro a numero chiuso per i problemi alle scale mobili

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:20
CONDIVIDI

A causa dei problemi alle scale mobili, diverse stazioni della metro di Roma avranno l’accesso limitato ad un numero fisso di passeggeri.

Continuano i problemi di gestione e manutenzione delle stazioni della metro di Roma. Alle stazioni che da tempo sono chiuse, la Cornelia, o a traffico limitato, la Barberini è aperta solo in uscita dopo essere stata chiusa per 319 giorni, si è aggiunto l’ingresso a numero chiuso in altre. La comunicazione è arrivata in seguito alla disposizione operativa del direttore d’esercizio della Metro A e B Giovanni Battista Nicastro.

Leggi anche ->Roma, metro B bloccata: “Nessuna previsione di ripristino”

In questa si legge che alla stazione Furio Camillo: “Sarà possibile far accedere in banchina solo 450 persone, corrispondenti a circa metà di una banchina o un quarto di due banchine”. L’afflusso di passeggeri sarà continuamente monitorato dalle telecamere di sicurezza. Superato il numero limite, i varchi saranno chiusi per permettere lo svuotamento delle banchine. La misura eccezionale verrà mantenuta fino al completamento dei lavori di manutenzione sulla scala mobile danneggiata. Qualora si dovessero verificare ulteriori problematiche la stazione Camillo verrà chiusa al pubblico.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Metro Roma: accesso limitato anche a San Giovanni

L’accesso limitato alle stazioni non riguarda solo la stazione Furio Camillo, ma anche quella di San Giovanni, dove il controllo del numero d’ingressi è già in funzione da tre settimane. La misura di sicurezza anche in questo caso è dovuta al malfunzionamento di una delle scale mobili. A differenza della Furio Camillo, a San Giovanni il controllo di flusso è limitato alle fasce orarie con maggiore affluenza: 7.30-10 e 16.30-20. La limitazione, inoltre, riguarda solo l’afflusso di passeggeri in discesa, ed è applicata al fine di evitare che si accumulino troppi passeggeri in prossimità delle scale. A regolare l’afflusso è la chiusura dei tornelli, che vengono poi sbloccati una volta che il numero di passeggeri sulle scale è minore.