Aggressione Pronto Soccorso | ferisce 4 infermieri e guardia giurata

Un uomo responsabile di una feroce aggressione al Pronto Soccorso, dove era giunto nel cuore della notte. Ne fanno la spesa cinque professionisti.

aggressione Pronto Soccorso
Una aggressione al Pronto Soccorso in piena notte a Bologna FOTO viagginews

Nessuno è riuscito a fermarlo: uno scalmanato ha seminato il panico con una aggressione al Pronto Soccorso dell’ospedale ‘Sant’Orsola’ di Bologna, nella notte tra sabato 1° e domenica 2 febbraio.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus Italia | in quarantena da solo dalla Cina | “Nessuno mi ha controllato”

Autore della grossa intemperanza un uomo originario della Romania, che neppure una guardia giurata è riuscita a fermare. Alla fine il rumeno si è scagliato anche contro quattro infermieri in servizio. Lui tra l’altro era ricoverato, e questa aggressione al Pronto Soccorso è scaturita all’improvviso e senza un motivo spiegabile. Lo scalmanato è un 63enne senza fissa dimora, in base a quanto riscontrato dai carabinieri intervenuti per fermarlo. I militari lo hanno arrestato per minacce, danneggiamento aggravato, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, oltre che per interruzione di pubblico servizio.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, scoperta la cura per la malattia: cosa sta succedendo

Se vuoi conoscere tutte le notizie in tempo reale CLICCA QUI

Aggressione Pronto Soccorso, il violento non nuovo a fatti del genere

Il rumeno, verso le 03:00 del mattino, si era presentato in ospedale assieme ad altri due senzatetto dopo avere esagerato con gli alcolici. Fin da subito i tre, e specialmente l’uomo in questione, erano parsi fin troppo euforici. E lui nello specifico aveva iniziato ad insultare chiunque, passando poi alle minacce di morte ed anche al lancio di oggetti, tra cui sedie, qualche mobile e dei cartelloni informativi. Uno degli infermieri aggrediti ha dovuto farsi ricoverare, ricevendo una prognosi di 21 giorni. Ferite più lievi per tutti gli altri coinvolti loro malgrado. Tra l’altro l’aggressore risulta essere addirittura recidivo, avendo commesso degli episodi simili anche in passato.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, il numero di morti sale a 361, superato il bilancio della Sars