Coronavirus, British Airways: stop a tutti i voli da e per la Cina

Stop a tutti i voli da e per la Cina. Il Coronavirus deve essere fermato e la decisione della British Airways è quella di bloccare i collegamenti per contenere l’epidemia.

british-airways-stop-voli-cina-coronavirus
Pixabay

Il coronavirus, questo nuovo virus che in breve tempo ha letteralmente paralizzato il mondo e ha spaventato anche tutta la popolazione, sta continuando a mietere vittime. Così la British Airways ha preso una storica decisione: stop ai voli da e per la Cina.

Cosa sappiamo sul Coronavirus?

Si tratta di un virus che, come abbiamo detto, è oggettivamente molto più simile alla Sars di quanto non si possa pensare. Pare che i numeri siano però nettamente superiori a quelli di questa passata epidemia. Come sintomi assomiglia ad una polmonite. I soggetti più a rischio sono sicuramente gli anziani e tutti coloro che hanno delle patologie precedenti. Le raccomandazioni, come ha ribadito anche il Ministero della Salute sono sempre le stesse: cercare di lavarsi sempre le mani, di starnutire nell’incavo del gomito o in fazzoletti da buttare subito, tenersi alla larga da persone che presentano i sintomi…

La decisione di British Airways

L’allarme però per questo coronavirus aumenta e la British Airways, la quinta compagnia aerea più grande del mondo, questa mattina ha deciso di bloccare tutti i voli da e per la Cina per contenere l’epidemia di questo nuovo virus. Anche gli Stati Uniti d’America stanno valutando lo stop ai collegamenti con la Cina- Tutto questo perché si vuole cercare di contenere sempre di più questa gravissima, epidemia. La compagnia aerea ha comunicato che ha deciso di sospendere tutti i voli con un comunicato stampa: si scusano per i disagi, ma la sicurezza e la salute del personale è la priorità e quest è un provvedimento sicuramente molto importante. Il fatto che Donald Trump a sua volta stia anche valutando lo stop dei collegamenti fa tremare anche l’economia cinese.

Non solo British: Toyota e Apple tirano il freno a mano

Del resto oltre alla British Airways anche la Toyota, dal canto suo ha deciso di continuare la chiusura e quindi l’interruzione della produzione in Cina fino al 9 di febbraio perché si teme che il virus appunto possa diffondersi ancora più rapidamente. Ulteriori decisioni ha comunicato la Toyota che verranno prese dal 10 febbraio in poi.

Apple intanto ha dichiarato che molti negozi sono stati chiusi proprio per preservare la salute dei dipendenti. Una stoccata importante anche all’economia della mela morsicata in quanto le vendite dell’ultimo modello di iPhone sono andate inizialmente molto bene anche grazie porprio alla popolazione cinese.