Home News Gran Bretagna, mamma avvelena la figlia neonata con il sale: “Per sentirsi...

Gran Bretagna, mamma avvelena la figlia neonata con il sale: “Per sentirsi meglio”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:58
CONDIVIDI

Una giovanissima mamma affetta da depressione post partum ha avvelenato la figlia neonata somministrandole dosi letali di sale.

Nel 2015 una giovane mamma si è trovata a combattere contro una grave forma di depressione post partum. L’esperienza della maternità la stressava al punto da sentirsi male e dopo qualche mese ha scoperto che ingerire quantità dannose di sale la faceva sentire meglio. Con il passare del tempo quella pratica dannosa non bastava a farle sentire del sollievo, così la donna ha cercato di capire se sottoponendo la figlia di 8 mesi a quel rischio avrebbe provato la stessa sensazione.

Leggi anche -> Violenza domestica | minacce e lacrimogeno contro figlia ed ex marito

Un giorno ha portato la figlia in ospedale ed ha detto ai medici che era preoccupata perché la piccola non voleva mangiare. I medici hanno accettato di ricoverarla per fare dei controlli ed è stato in quel momento che la donna le ha somministrato una dose di sale equivalente a due cucchiai da thé. La pressione della bambina è salita immediatamente ed i medici hanno contrastato una lieve crisi di iponatriemia.

Leggi anche ->Mamma arrestata | “Voleva avvelenare le figlie” | in carcere da innocente

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Mamma avvelena una seconda volta la figlia

Nel giro di qualche ora la crisi era superata ed i livelli della piccola erano tornati stabili. A quel punto la donna ha chiamato il padre della figlia e gli ha chiesto di portare in ospedale del sale per le patatine. Ottenuto con l’inganno il sale, la donna ha avvelenato una seconda volta la figlia, rischiando di ucciderla. I medici sono riusciti a salvare la bambina, la quale poteva riportare gravi danni cerebrali, e hanno scoperto che nel suo organismo c’erano alte concentrazioni di sale.

La giovane mamma è stata denunciata alla polizia e la bambina, una volta ristabilita, è stata affidata ai servizi sociali ed in seguito adottata. Dopo quasi 5 anni la donna è stata condannata per tentato omicidio. In una mail indirizzata alla figlia, la donna ha scritto che non era sua intenzione farle del male: “La mamma ha mischiato sale e acqua per sentirsi male. Lei ti ha dato da mangiare e ha aggiunto un po’ di quella mistura. Tu sei andata in condizioni critiche. Mamma non voleva farti del male; mamma voleva solo che i medici ascoltassero. Mamma non voleva ammettere di essere in difficoltà ed ha mentito. Sono molto dispiaciuta”.