Rula Jebreal chi è: età, carriera e vita privata della giornalista

Conosciamo meglio la storia di Rula Jebreal: ecco tutte le curiosità sulla carriera e vita privata della giornalista palestinese

Rula Jebreal caso

Rula Jebreal nasce a Haifa, in Israele, il 24 aprile 1973. La madre, che aveva avuto abusi durante l’infanzia, si è suicidata annegando in mare quando la piccola Rula aveva cinque anni. Insieme alla sorella, la ragazza viene portata dal padre al collegio/orfanotrofio di Dar El-Tifel a Gerusalemme dal 1978 al 1991. Nel 1993 riceve una borsa di studio dal governo italiano per studiare fisioterapia all’Università di Bologna. Nel 1997 collabora con Il Resto del Carlino, Il Giorno e La Nazione; successivamente passa alla politica estera con i focus conflitti mediorientali. Nel 2002, come giornalista e militante del Movimento palestinese per la democrazia e la cultura, prende parte a una trasmissione televisiva su LA7, Diario di guerra. Scrive quattro romanzi, tra cui il famoso La strada dei fiori di Miral. Parla benissimo  l’inglese, l’arabo e l’ebraico, ha insegnato Diritti Umani all’Università di Miami. La sua partecipazione a Sanremo 2020 al fianco di Amadeus ha scatenato numerose polemiche.

LEGGI ANCHE >>> Caso Rula Jebreal, le polemiche sulla partecipazione: la posizione di Amadeus

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Rula Jebreal chi è: vita privata

In passato la stessa giornalista ha avuto una relazione con l’artista Davide Rivalta: dal loro rapporto  è nata sua figlia Miral. Vive per tante anni insieme al compagno Julian Schnabel, poi sposa nel 2013 il banchiere americano Arthur Altschul Jr., ma dopo tre anni i due si separano. Sul suo profilo Instagram è molto seguita visto che può vantare circa 30mila follower.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

‪For 10 years, my close friend @adjaye_visual_sketchbook & I would have intense conversations around kitchen tables (mine, his, & (mutual friends’), discussing the world, international relations, identity politics, design, religion, social justice, human rights, & our aspirations going forward.‬ ..Yesterday at @prada ‘s summit, we discussed the topic of shaping a sustainable future. In his life and career, David has broken all “limits” and shattered all “ceilings,” while remaining amazingly grounded and humble in the process.‬ In DC, ‪visit one of his architectural masterpieces: The Smithsonian’s National Museum of African American History and Culture. Likewise, if in NYC, don’t miss his amazing Studio Museum, in Harlem. & , there are SO MANY other exquisite buildings to see, designed by Sir David, all over the world.

Un post condiviso da Rula Jebreal (@rulajebreal) in data:

Rula Jebreal caso