Home Meteo Allarme inquinamento per le condizioni meteo: cosa sta succedendo

Allarme inquinamento per le condizioni meteo: cosa sta succedendo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:38
CONDIVIDI

Le previsioni meteo per i prossimi giorni: l’allarme smog e nebbia che colpisce tutta Italia.

allarme-smog-comuni-colpiti (2)
iStock

Gli amanti del sole gioiscono, lo capiamo. Ma le condizioni meteo di questo inizio di gennaio non sono normali. Il sole è caldo, le temperature sono fresche, ma nemmeno lontanamente riconducibili a quelle che dovrebbero invece esserci ora. L’inverno? Sparito, pare che il Generale Inverno quest’anno tardi ad arrivare o che, peggio ancora, abbia deciso proprio di non venire a farci visita. Questo cosa significa? Che il cambiamento climatico c’è, eccome.

Pericolo smog e nebbia: le previsioni meteo

Per quanto riguarda il qui ed ora sappiamo che questa vasta alta pressione di cui siamo prigionieri e che interessa anche tutta l’Europa occidentale mantiene i cieli praticamente azzurri ovunque. Sembra una bella notizia, ma non è così visto che l’altro risvolto della medaglia riguarda il fatto che sulla Pianura Padana ci saranno delle nebbie fittissime. Nebbie che intralciano la visibilità, ma non solo. Quello che preoccupa maggiormente è lo smog che, non essendoci ricambio d’aria, viene praticamente bloccato al suolo.

Quali sono i comuni più a rischio smog

Si parla di oltre 60 comuni con un elevato numero di polveri sottili ben al di sopra della legge. Così, scattano gli stop alle auto, sperando di ridurre l’inquinamento. A rischio maggiormente regioni come Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna. In Lombardia l’allarme è tra il rosso e l’arancione per lo smog e Cremona è fuori legge, come riporta Repubblica, da ben undici giorni. Pericolo smog e polveri sottili anche a Torino dove, dal 27 di dicembre si parla di oltre 50microgrammi al metro cubo, praticamente un allarme viola, ossia il più alto possibile. Stop quindi ai veicoli diesel euro 5, quelli di prima del 2013 e i benzina euro 1. Anche la Toscana, sebbene non ancora a rischio rosso, ha deciso di fermare il traffico fino a domenica 12 gennaio in ben 18 città come Lucca, Pistoia e Viareggio.

Le previsioni meteo dei prossimi giorni

View this post on Instagram

Primo dell’anno a tutto sole ☀️ Una vasta area di alta pressione determinerà le condizioni meteorologiche sull’Italia nei primi giorni del nuovo anno. L’aria relativamente mite che accompagna l’anticiclone favorirà un rialzo delle temperature, destinate a riportarsi al di sopra la media, specialmente nelle aree più soleggiate del Nord e in particolare sulle Alpi dove, tra mercoledì e venerdì, la quota dello zero termico si porterà attorno ai 3000 metri. La stabilità atmosferica attesa nei prossimi giorni determinerà la sostanziale assenza di precipitazioni, una ventilazione in ulteriore attenuazione e, fino a giovedì, condizioni favorevoli alla formazione di nebbie o strati di nubi molto basse in Pianura Padana. Un temporaneo peggioramento del tempo si profila tra la fine di sabato e domenica, principalmente sulle regioni adriatiche e meridionali lambite da un nucleo di aria fredda in discesa dalla Scandinavia e diretto verso i Balcani e l’Europa orientale #previsioni #italia #meteoit

A post shared by meteo.it (@meteo.it) on

 

Insomma la condizione meteo è preoccupante e anche triste. Pare che infatti almeno fino a metà della prossima settimana non ci saranno cambiamenti rilevanti a livello meteorologico. Questo implica che sì, avremo sicuramente delle giornate di sole, ma a che prezzo? L’inverno, il vento e la pioggia che dovrebbero pulire l’aria se continua così sembra proprio che non si faccia vedere e quindi il dubbio di rimanere bloccati per sempre in una mezza stagione sussiste ed è molto reale.