Razzismo in Premier League: scoppia il caso Rudiger

Razzismo in Premier League: scoppia il caso Rudiger, in queste settimane diversi sono stati gli episodi simili denunciati in Inghilterra.

(ADRIAN DENNIS/AFP via Getty Images)

Quello dei tifosi di calcio e dei cori razzisti sembra non essere un problema solo italiano: in Inghilterra, infatti, esplode in queste ore il caso Rudiger. La vittoria del Chelsea sul Tottenham per due a zero infatti è stata oscurata dal presunto abuso razzista del difensore del Blues Antonio Rudiger. L’ex romanista è stato oggetto di canti di scimmie nella seconda metà dopo il suo coinvolgimento nel cartellino rosso di Son Heung-min.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Caso Rudiger e altri episodi di razzismo in Premier League

In tre occasioni, l’intervento dello speaker dello stadio ha ribadito che “il comportamento razzista tra gli spettatori sta interferendo con il gioco”. Dopo la partita, Rudiger si è sfogato sui social media per chiedere un’azione decisiva. Ha aggiunto: “Quando cesserà questa assurdità?”. Il Tottenham ha promesso di intraprendere la “più forte azione possibile” se viene identificato qualche fan che ha fatto gesti razzisti. L’allenatore Jose Mourinho afferma che “il calcio e la società hanno bisogno di aiuto” per sradicare la discriminazione e il razzismo.

Un incidente del genere si è verificato due settimane dopo che il derby di Manchester tra City e United è stato similmente oscurato dalle notizie di abusi razzisti, mentre sono stati segnalati diversi altri esempi di discriminazione sia in questo paese che all’estero negli ultimi mesi. La Professional Footballers ‘Association (PFA) ha chiesto un’indagine guidata dal governo sul razzismo nel calcio. Un portavoce di Downing Street che ha successivamente affermato che “c’era più lavoro da fare da parte delle autorità calcistiche per affrontare questo problema”. Quindi ha dichiarato di non escludere fare “ulteriori passi se necessario”. In Italia, di recente, ha fatto discutere un episodio di razzismo contro Balotelli.