Home Curiosità Santa Lucia, arriva il giorno più corto dell’anno

Santa Lucia, arriva il giorno più corto dell’anno

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:11
CONDIVIDI

Santa Lucia è il giorno più corto dell’anno. Il tramonto infatti arriva prestissimo.  Tradizioni e festeggiamenti per il 13 dicembre

Il giorno più corto dell’anno è un momento di svolta del calendario. Già perché è il giorno che segna il passo dell’inverno, in cui iniziano a cambiare le ore di luce nell’arco della giornata. La tradizione popolare vuole che il giorno più corto dell’anno sia il giorno di Santa Lucia, il 13 dicembre, giorno di festeggiamenti per la Santa che porta luce nel lungo inverno.

In realtà l’ affermazione di ‘giorno più corto dell’anno’ è sbagliata in quanto il giorno con meno ore di luce in assoluto (anche se sarebbe più corretto parlare di minuti) è il giorno del Solstizio d’inverno, ossia quest’anno il 22 dicembre. E allora perché si dice che il giorno più corto dell’anno è Santa Lucia?

Come sempre accade nella tradizione popolare qualcosa di vero e scientifico c’è. In questo caso il giorno di Santa Lucia, o comunque i giorni intorno al 13 dicembre, sono quelli in cui il Sole tramonta prima che in qualsiasi altro giorno dell’anno. Perfino qualche minuto prima del Solstizio d’inverno. La differenza sta nel fatto che il 22 dicembre è l’alba a ritardare il suo arrivo. Quindi contando le ore di luce, o meglio i minuti, ne abbiamo di meno il 22 che il 13 dicembre.

Tramonto in anticipo: svolta dell’inverno

Il 13 dicembre, giorno di Santa Lucia, possiamo dire quindi di avere il tramonto più in anticipo dell’anno. Quel giorno e anche i giorni immediatamente successivi il sole sparirà dal nostro orizzonte alle 16.39 a Roma, alle 16.40 a Milano. Il 22 dicembre il tramonto sarà tre minuti più tardi, alle 16.42 a Roma, alle 16.43 a Milano.

Dal 13 dicembre in poi quindi le giornate, intese come orario del tramonto, torneranno ad allungarsi. Il 31 dicembre, ultimo giorno dell’anno, il Sole sparirà dal nostro orizzonte alle 16. 49. Come abbiamo detto però l’alba sarà ritardata: il 13 dicembre il sole sorge alle 7.29, il 21 dicembre alle 7.35.

Dal 13 dicembre quindi avremo un tramonto sempre più spostato in avanti e un’alba sempre più ritardata fino al 21 dicembre che sarà il giorno con meno luce in assoluto dell’anno. Di conseguenza sarà il giorno con la notte più lunga. Un giorno di alta suggestione che sin dall’antichità ha affascinato i popoli.

Da dopo il 21 dicembre il tramonto continuerà ad allungarsi e l’alba a ritardare fino al 10 gennaio quando il sole inizierà a nascere sempre prima e a tramontare sempre più in avanti.

Festeggiamenti per il giorno di Santa Lucia

Ma oltre agli orari del sole il giorno del 13 dicembre è importante nel calendario per la Santa che si festeggia: Lucia, martire della persecuzione compiuta da Diocleziano contro i cristiani nel III secolo. Questo giorno inoltre essendo nel periodo dell’Avvento è tradizionalmente visto come l’inizio del Tempo di Natale.

I festeggiamenti per Santa Lucia sono particolarmente sentiti a Siracusa di cui la martire era originaria e in tutta la Scandinavia in quanto la Santa è considerata portatrice di Luce nel lungo inverno del Nord.

Celebrazioni per Santa Lucia avvengono anche in altre zone d’Italia: Emilia Romagna, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige e Lombardia. All’estero oltre che in Svezia, Norvegia e nella parte di lungua svedese della Finalandia, troviamo processioni e riti dedicati alla Santa anche in Ungheria e in Croazia.

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteStasera in tv – Vincenzo Salemme porta teatro e spettacolo su Rai 2
Articolo successivoStasera in tv, CR4 – La Repubblica delle donne: ospiti di oggi 11 dicembre
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.