Ristoranti solidali: regala un “piatto sospeso” per Natale

JustEat, l’app di food delivery ha lanciato questa bellissima iniziativa per Natale: si potrà ordinare un piatto “sospeso” da donare alla Caritas. Come funziona e cosa sapere.

piatto-sospeso-natale-justeat
Instagram JustEat Italia

Natale è una festa meravigliosa, ma lo è per tutti? Non è sempre così, purtroppo. Ci sono delle persone che infatti versano in condizioni economiche difficili e che durante le festività magari non possono permettersi pranzi o cene luculliane come accade invece nella maggior parte delle case italiane. Si rischia di perdere un po’ della magia del Natale e soprattutto, chi sta “bene economicamente” spesso si dimentica del reale significato di questa festività. Così, proprio per aiutare queste persone a trascorrere delle festività serene e per ricordare a tutti l’importanza dei valori dell’inclusione sociale, nasce il Ristorante Solidale di Just Eat.

Cos’è il piatto sospeso di JustEat

Cos’è il Ristorante Solidale? Si tratta di un progetto di food delivery realizzato da Just Eat che entrerà in azione proprio durante le festività natalizie al fine di sensibilizzare il maggior numero di persone possibili sui problemi legati allo spreco alimentare e per incentivare tutti ad aiutare chi non vive in condizioni economiche agiate, promuovendo così l’inclusione sociale. Un progetto molto interessante che apre gli occhi su quello che realmente dovrebbe essere il significato del Natale.

Come partecipare?

Per partecipare a questa iniziativa basta accedere a JustEat, entrare nel menù di oltre 50 ristoranti tra Milano, Roma, Torino e Napoli e aggiungere al proprio ordine di food delivery, quindi che ci facciamo consegnare a casa, un piatto sospeso. Esatto, un po’ come il caffè al bar nella tradizione napoletana. Insomma si aggiunge al proprio ordine un piatto di un valore variabile, dai 3 ai 5 euro. I piatti sospesi, in un periodo di tempo compreso tra il 2 e il 15 dicembre, ovviamente non verranno consegnati a voi, ma verranno lasciati in sospeso e poi trasportati a varie mense e diverse realtà della Caritas operanti sulle città che aderiscono all’iniziativa.