Home Destinazioni e Guide turistiche Barcellona Pozzo di Gotto: cosa vedere e curiosità sul nome

Barcellona Pozzo di Gotto: cosa vedere e curiosità sul nome

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:39
CONDIVIDI
barcellona pozzo di gotto
Cosa vedere a Barcellona Pozzo di Gotto

Guida alla città di Barcellona Pozzo di Gotto: le cose da vedere e da fare

Antica città dai fasti spagnoli, Barcellona Pozzo di Gotto, in provincia di Messina in Sicilia, è oggi una apprezzatissima meta turistica. In estate la città si riempie di viaggiatori attratti dallo splendido mare, dai preziosi tesori architettonici e dalle vicine terme. In un weekend potrete facilmente girare la città e ammirare le bellezze di questo borgo incastonato fra mare e monti e testimone della Storia e dei fasti di questo angolo di Sicilia.

Perché Barcellona Pozzo di Gotto si chiama così

Quello che salta subito agli occhi è il nome di questa città e se leggendolo avete pensato alla ben più nota Barcellona spagnola avete fatto bene! La Sicilia è stata dominata dagli Aragona, i sovrani spagnoli, ed è da notare che nei secoli che vanno dalla fine del 1200 al 1600 tutti i re di Sicilia della casata di Aragona erano anche conti di Barcellona, la città catalana.

Poi la Sicilia è passata sotto gli Asburgo e il Regno di Napoli. La Spagna è quindi presente per secoli nella storia dell’isola, ma è soprattutto la somiglianza geografica fra la città catalana e quella siciliana ad essere valso il nome. Infatti entrambe si trovano fra i monti e il mare: fra i Pirenei il Mediterraneo e fra i Peloritani e il Tirreno la siciliana. La Barcellona siciliana viene fondata nel 1639.

Il nome ‘Pozzo di Gotto‘ deriva invece dalla costruzione nella metà del 1400 di un pozzo per irrigare le terre coltivate appartenenti a Nicolo Goto di Messina e intorno al quale sorse un piccolo borgo. Nel 1835 Barcellona e Pozzo di Gotto vennero unite.

Cosa vedere a Barcellona Pozzo di Gotto

La primavera e l’estate sono sicuramente le stagioni migliori per un giro in questa zona vicino Messina in cui il mare ovviamente è protagonista. Ma in ogni stagione potrete ammirare le bellezze della Sicilia, assaggiare le squisite granite di questa zona, vedere i monumenti più importanti.

Cosa vedere a Barcellona Pozzo di Gotto

  • Duomo di San Sebastiano
  • Chiesa di San Giovanni Battista
  • Santuario di Sant’Antonio
  • Parco Museo Jalari
  • Castello di Milazzo
  • Piscina di Venere

Milazzo con il suo splendido mare e la spettacolare Piscina di Venere, una piscina naturale sul mare, vi attendono per un tuffo. Ma anche fuori stagione potrete ammirare la bellezza dei panorami e lo spettacolare castello di Milazzo affacciato sul mare.

Da non perdere un giro a Castroreale, a pochi km di distanza, dove poter vedere il Duomo e lo spettacolare Parco Museo Jalari, un parco fondato sulla bio architettura e l’agricoltura che vi sorprenderà. E’ una sorta di museo in cui si racconta la Storia del luogo ricreando il luogo e non deconstestualizzando come si fa nei musei. I 15 mila reperti sono stati collocati nelle botteghe artigiane ricostruite. Visitare questo parco significa immergersi nella Storia.

A Barcellona Pozzo di Gotto in giro per la città da non perdere il Duomo di San Sebastiano, in stile neoclassico con la grande cupola visibile da tutta la città; la Chiesa di San Giovanni Battista, monumento nazionale e biglietto di visita appena si entra in città da non perdere il baldacchino; il Santuario di Sant’Antonio meta di pellegrinaggio;

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteMassimo Ghini chi è | carriera figli amori finiti con la Ferilli e Nancy Brilli
Articolo successivoNiva Congedo, chi è la ragazza italiana morta a Parigi: suicidio o incidente?
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.