Home Alberghi L’hotel più remoto al mondo, dove scappare dallo stress

L’hotel più remoto al mondo, dove scappare dallo stress

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:18
CONDIVIDI
Guest House di Ittoqqortoormiit (visitgreenland.com)

L’hotel più remoto al mondo, ecco dove si trova e come raggiungerlo.

Un albergo in un luogo lontano e quasi irraggiungibile, in un ambiente selvaggio e inospitale per chi non sopporta i climi estremi. Ma allo stesso tempo un posto perfetto per scappare da tutto e da tutti e immergersi in una realtà completamente diversa da quella alla quale siamo abituati e che richiede anche un certo sforzo di adattamento. Una volta superate le iniziali difficoltà, tuttavia, l’esperienza sarà impagabile.

Stiamo parlando della Guest House situata nel villaggio di Ittoqqortoormiit (nome impronunciabile), in Groenlandia. Si tratta di un luogo veramente remoto, che si affaccia su una baia della costa orientale della Groenlandia.

Leggi anche –> I 5 luoghi più remoti del mondo, dove è quasi impossibile viaggiare

Case del villaggio di Ittoqqortoormiit (Rob Oo from NL – Big House Dwellers, CC BY 2.0, Wikimedia commons)

L’hotel più remoto al mondo è in Groenlandia

Il villaggio di Ittoqqortoormiit ospita appena 452 abitanti e sorge nel punto più orientale della Groenlandia, sulla Terra di Jameson, sulla riva settentrionale dello Scoresby Sund (o Kangertittivaq), il fiordo più grande del mondo, lungo 350 km. Il villaggio appartiene al comune di Sermersooq e si affaccia sul Mare di Groenlandia e sullo Stretto di Danimarca (il braccio di mare compreso tra la Groenlandia e l’Islanda, conosciuto anche col nome di Canale di Danimarca), a sud del Parco Nazionale della Groenlandia.

In precedenza il villaggio era chiamato Scoresbysund, come il fiordo, dal nome dell’esploratore artico William Scoresby che per primo mappò questa zona nel 1822. Il nome di Ittoqqortoormiit significa “gli abitanti delle grandi case” nel dialetto della Groenlandia orientale. Il villaggio, in realtà, è popolato da casette colorate non troppo grandi, tra le quali sorge la Guest House, dalle pareti color arancio, che ospita i turisti in visita i questo luogo remoto.

Siamo veramente lontano dalla “civiltà” come la cominciamo, con un clima rigido anche in estate, quando le temperature massime si aggirano intorno ai 5° o 6° C e le minime sullo 0 a luglio e agosto, il periodo più “caldo”! In inverno il termometro scende abbondantemente sotto lo zero, con le minime a -22/-23° C, non eccessivamente basse vista la latitudine, grazie al clima mitigato dal mare.

Veduta del villaggio di Ittoqqortoormiit (Hannes Grobe, AWI, CC BY-SA 2.5, Wikimedia Commons)

Se volete provare l’ebbrezza di visitare questa terra di rocce grigie coperte dalla neve, trovate la Guest House a disposizione dei visitatori, che qualcuno non a caso ha chiamato l’hotel più remoto al mondo. Una destinazione per tutti gli avventurosi e per chi ha la pazienza e la tenacia di imbarcarsi per un viaggio molto lungo. Se il vostro sogno, però, è quello di staccare veramente la spina e allontanarvi da tutto e da tutti, allora questo posto fa al caso vostro.

La Guest House di Ittoqqortoormiit con le sue pareti color arancione vivo si riconosce nel paesaggio di casette colorate, rosse, gialle, azzurre e verdi del villaggio. Scordatevi le comodità, la struttura è dotata di tutti i servizi fondamentali, dalle camere, alla cucina con tavolo da pranzo e al bagno, ma è senza fronzoli, come recita il claim suo Hotels.com. Qui trovate 7 stanze, singole o doppie, con bagno in comune, area cucina in comune con lavello e piano cottura, forno a microonde e frigorifero e ovviamente tavolo da pranzo, salotto in comune con divano e tv e gioco degli scacchi. Niente wi-fi, quindi un posto ideale per chi vuole restare isolato e sconnesso dal web. Viene fornito il servizio lavanderia. La tv c’è anche nelle camere. Gli animali non sono ammessi e non ci sono culle per neonati. Insomma, un hotel spartano.

Il villaggio di Ittoqqortoormiit si raggiunge con la navetta, via mare, dall’aeroporto di Nerlerit Inaat (Jameson Land), situato a circa 38 km di distanza. Il servizio shuttle, a pagamento, è fornito dalla Guest House. L’aeroporto di Nerlerit Inaat si raggiunge con i voli in partenza da Reykjavik e anche dalla Germania, da Monaco di Baviera e Stoccarda, oppure dalla città di Kulusuk, in Groenlandia.

Ulteriori informazioni sulla Guest House di Ittoqqortoormiit sulla pagina dedicata su Hotels.com

Mappa di Ittoqqortoormiit