Home Mete Top Bobbio vince il concorso il Borgo dei Borghi 2019, è il più...

Bobbio vince il concorso il Borgo dei Borghi 2019, è il più bello d’Italia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:09
CONDIVIDI
Bobbio, in provincia di Piacenza (iStock)

Bobbio vince il concorso il “Borgo dei Borghi 2019”, premiato il comune emiliano come borgo più bello d’Italia

La trasmissione di Rai3 il “Borgo dei Borghi” ha premiato quest’anno il paese emiliano di Bobbio come borgo più bello d’Italia. Il comune della provincia di Piacenza ha sbaragliato tutti gli altri concorrenti con un il giudizio per metà dalla giuria di esperti e per l’altra metà da parte del pubblico con il televoto. Il borgo è un piccolo gioiello medievale della Val Trebbia che ha mantenuto intatto il suo centro storico ed è famoso per l’antico ponte in pietra di accesso al paese che attraversa il fiume Trebbia.

Bobbio era stato già finalista all’edizione 2018 del Borgo dei Borghi.

Bobbio vince il concorso il Borgo dei Borghi 2019

L’incantevole borgo di Bobbio è staro proclamato Borgo dei Borghi 2019, vincendo il concorso dell’omonima trasmissione di Rai3 presentata da Camila Raznovich. Il paese sorge in Emilia, in provincia di Piacenza, in un’area di confine con Liguria, Piemonte e Lombardia, regioni di cui ha subito le influenze.

Bobbio sorge sulla sponda sinistra del fiume Trebbia e ha origini antichissime, i primi insediamenti nel suo territorio risalgono al neolitico. Nel 14 a.C. il centro abitato è diventato romano, poi nel IV secolo è sorto il primo nucleo di Bobium, il borgo come lo conosciamo oggi. Simbolo del borgo è il Ponte Gobbo, chiamato anche Ponte Vecchio o Ponte del Diavolo, realizzato in pietra e la cui esistenza è documentata dal 1196, sebbene sia molto probabile che abbia origini ancora più antiche, forse risalenti anche all’epoca romana, poi soggetto a numerosi rifacimenti. Il ponte attraversa il fiume Trebbia con i suoi 273 metri di lunghezza ed è formato da 11 arcate irregolari, di diverse dimensioni e altezza, da cui prende il nome di “gobbo”.

Il centro storico di Bobbio ha conservato intatte le caratteristiche tipiche del borgo medievale. Il cuore del Paese è l’Abbazia di San Colombano, fondata nel 614 dal monaco missionario irlandese Colombano, che qui morì nel 615. Si tratta di un complesso religioso che comprende il monastero e la basilica. Nell’alto medioevo l’Abbazia di San Colombano ebbe un importante ruolo politico, religioso e culturale. Nonostante il paese non sia di grandi dimensioni, offre una gran quantità di monumenti, tra chiese, palazzi storici e castelli.

Bobbio, Ponte Vecchio (Alessandro Vecchio, CC BY-SA 3.0, Wikicommons)

Visitare Bobbio

Da vedere in paese, oltre al Ponte Gobbo e all’Abbazia di San Colombano, il monastero di San Francesco (XIII secolo), santuario della Madonna dell’Aiuto (1621), la Cattedrale di Santa Maria Assunta e il Castello Malaspina Dal Verme (XIV secolo). Sulle colline circostanti si coltivano i vitigni di nebbiolo e dolcetto, mentre i piatti tipici della tradizione locale sono una “fusione” con quelli della vicina Liguria.

Il borgo sorge a 272 metri sul livello del mare, alle pendici del Monte Penice (1.460 m) e ha una popolazione di poco più di 3.500 abitanti. Bobbio è il paese natale del regista Marco Bellocchio, che qui ogni estate organizza il suo Festival del Cinema. Il paese è una meta turistica molto visitata in estate e non è difficile capire il perché.

Bobbio è stato eletto borgo più bello d’Italia dal concorso il “Borgo dei Borghi” nella serata finale dell’omonima trasmissione di Rai3, in una gara ad eliminazione che ha visto la partecipazione in partenza di 60 borghi da tutta Italia. A decretare il successo del borgo emiliano sono stati il televoto del pubblico e il giudizio dei giurati presenti in studio: Philippe Daverio, Margherita Granbassi e Mario Tozzi, il cui voto valeva il 50% del totale.

“L’incoronazione a Borgo dei borghi d’Italia rappresenta il coronamento di vent’anni di lavoro per creare un brand turistico del nostro meraviglioso paese”, ha spiegato Roberto Pasquali, 62 anni, sindaco di Bobbio dal 1999 e consigliere comunale dal 1985. “Le carte vincenti sono la nostra storia e la nostra cultura, ma anche l’essere inseriti in un contesto, la Valtrebbia, che Hemingway ha definito la vallata più bella del mondo. Abbiamo un meraviglioso fiume balneabile, una natura selvaggia sui nostri monti e richiami storico artistici unici in paese”.

Ulteriori informazioni sulla trasmissione “Borgo dei Borghi” e per rivederla su RaiPlay: www.rai.it/borgodeiborghi

Il sito web del Comune di Bobbio: www.comune.bobbio.pc.it