Allarme pesticidi nelle scuole di Sabaudia: la denuncia del WWF

Scatta l’allarme pesticidi nelle scuole di Sabaudia: il WWF denuncia la situazione.

allarme-pesticidi-sabaudia-wwf
Getty Images

Il WWF da anni cerca di combattere per la salvaguardia del nostro pianeta e, da diverso tempo, sta anche portando avanti un’altra battaglia. Quella contro i pesticidi che, sebbene classificati come prodotti fitosanitari, sono comunque pericolosi. Soprattutto dovrebbero essere vietati nelle aree con bambini. L’allarme lanciato da poco è quello del clorpirifos metile che è stato ritrovato all’interno di ben 11 plessi scolastici nel Comune di Sabaudia.

L’allarme del WWF per i pesticidi

Da tempo il WWF, come si legge in un comunicato stampa ufficiale, denuncia infatti il paradosso di questi pesticidi che, se escono da una precisa regolamentazione e se vengono usati in città per usi non agricoli come nelle disinfestazioni diventano molto pericolosi. Secondo Franco Ferroni, Responsabile agricoltura e biodiversità: “È assurdo che la nuova bozza del Piano di Azione Nazionale per l’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari non preveda il divieto totale di utilizzo di molecole chimiche di sintesi pericolose per la salute umana e per l’ambiente nelle aree frequentate da soggetti vulnerabili come i bambini”. Ciò che poi lascia sgomenti è il fatto che una stessa sostanza chimica possa essere usata con regole diverse a seconda della finalità, non garantendo per la salute umana.

Cos’è il clorpirifos metile

È proprio il caso di clorpirifos metile, un insetticida usato in agricoltura. Lo stesso però può essere usato anche per le disinfestazioni, diventando classificato come biocida, sfuggendo ad alcune regole che ne vietano l’utilizzo nella aree urbane. Poiché il periodo di approvazione di questo clorpirifos terminerà a gennai 2020, il WWF chiede che questo prodotto venga abolito e non rinnovato. Del resto era già stato messo al bando da Svezia, Svizzera, Irlanda, Lettonia, Slovenia, Germania, Danimarca…Il WWF così, insieme a 10 associazioni nazionali chiede la modifica della bozza del piano di Azione Nazionale nella speranza di poter abolire l’uso del cloropirifos, pesticida noto per avere effetti neurotossici come depressione, perdita della memoria e insonnia.