Home News Fabio Rovazzi, chi è il papà morto nel 2010 quando lui aveva...

Fabio Rovazzi, chi è il papà morto nel 2010 quando lui aveva solo 16 anni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:50
CONDIVIDI
Cosa ha lasciato al figlio
(Archivio famiglia Piccolrovazzi da Corriere.it)

Fabio Rovazzi, chi è il papà morto nel 2010 quando lui aveva solo 16 anni. Indimenticabile la dedica del cantante durante il Festival di Sanremo.

Di Fabio Rovazzi sappiamo che è riuscito a trasformarsi da semplice youtuber a hit maker nel giro di 2 anni. Spinto a fare musica dall’amico Fedez, il ragazzo ha ottenuto un successo clamoroso con il suo pezzo di esordio ‘Andiamo a comandare‘, diventato un tormentone nell’estate del 2016. A quel punto il comico era ad un punto di svolta, doveva trovare il modo di evolversi e rimanere sulla cresta, altrimenti sarebbe divenuto solamente uno dei tanti che aveva toccato il successo e ne era stato fagocitato. Con grande sorpresa di tutto Rovazzi si è confermato con ‘Volare’ e l’anno successivo con ‘Faccio quello che voglio’.

Merito del successo di questo ragazzo di soli 24 anni è la capacità di indovinare il motivo ed i testi, ma anche quello di riuscire a creare dei veri e propri corti cinematografici legati ad ogni video. Non è una novità infatti che la grande passione di Fabio sia il cinema ( ha già debuttato sul grande schermo con ‘Il Vegetale’) e che un giorno vorrebbe dirigere un intero film. Questa passione la deve al padre Stefano, che sin da piccolo lo ha introdotto al mondo del cinema facendogli guardare ogni genere di film.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Chi è Stefano Piccolrovazzi, padre di Fabio Rovazzi

Sul padre del noto comico abbiamo poche informazioni, tutte condivise con ‘Il Corriere’ dalla mamma di Fabio in un’intervista. Stefano Piccolrovazzi era un medico ed è venuto a mancare nel 2010 quando Rovazzi aveva appena 16 anni. Con il figlio aveva un rapporto molto stretto, consolidato da una passione in comune per il cinema che proprio Stefano gli aveva trasmesso. Una passione che è stata incoraggiata anche dal nonno Sandro che per primo gli regalò una videocamera. Fabio non ha mai parlato pubblicamente del padre ma lo ha ricordato dal palco dell’Ariston, facendogli una dedica che ha fatto commuovere tutta Italia.