Home News Vincitore Superenalotto rivela: “Volevo comprare la Lazio”

Vincitore Superenalotto rivela: “Volevo comprare la Lazio”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:53
CONDIVIDI

SuperEnalottoIntervistato da Marco Liorni, un vincitore del Superenalotto confessa di sentirsi solo, dopo la vincita tutti lo cercavano solo per chiedergli denaro.

Chi non ha mai sognato, almeno una volta nella vita, di vincere una grossa somma di denaro al Superenalotto. Il denaro ottenuto potrebbe risolvere tutti i problemi monetari, aiutarvi a realizzare un sogno lavorativo o di qualsiasi altro genere, permettervi di dare una mano ad amici, familiari e a chi ne ha bisogno. Vincere una cifra così grande, però, comporta anche una certa dose di stress, poiché quel denaro bisogna imparare a gestirlo e soprattutto non va sprecato. Si corre, infatti, il rischio di finirlo prima del tempo e di ritrovarsi senza sostentamento.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Vincitore del Superenalotto rivela: “Sono solo”

Uno di quelli che ce l’ha fatta, un uomo che ha vinto 35 milioni di euro giocando dei numeri che gli erano apparsi in sogno, è stato intervistato da Marco Liorni. Il giornalista e conduttore ha chiesto al fortunato vincitore com’era cambiata la sua vita dopo la vincita e la sua risposta è stata sorprendente: “Vivo in un comprensorio con la vigilanza. A mio figlio ho dovuto mettere una guardia del corpo. Non sto più nel paese dove ero prima, lì lo sanno tutti che ho vinto”.

Inizialmente tutto è andato per il meglio, il denaro ha permesso a lui e la moglie di pagare la fecondazione assistita per avere un figlio. Esaudito quel desiderio una parte del denaro è stata utilizzata per fare del bene alle persone più care: “Ho fatto del bene a tanta gente, ho coperto debiti di amici”. Per un periodo il vincitore ha anche sognato di poter realizzare un sogno che ha sin dall’infanzia: “Volevo comprare la Lazio”, ma con il passare del tempo quel denaro è diventato una dannazione.

Una volta che si è sparsa la voce, ogni giorno qualcuno si presentava in casa loro fingendo una visita di cortesia, ma in realtà la finalità era quella di chiedere del denaro. Le continue richieste hanno convinto l’uomo a trasferirsi e tagliare i contatti con le persone con cui era cresciuto: “Adesso mi sento solo”. Data la sua esperienza l’uomo da un consiglio al vincitore dei 209 milioni: “Non ti fidare di nessuno. Il 90% della gente che si avvicina è solo perché vuole soldi”.