Vicenza, rissa fra mamme allo spettacolo di Frozen: pugni e ceffoni

Una violenta rissa fra mamme allo spettacolo di Frozen: è quanto incredibilmente accaduto in quel di Vicenza. Ora partono multe e ricorsi. 

Hanno accompagnato i loro figli ad assistere a uno spettacolo di Frozen nel centro commerciale Le Piramidi di Torri Qartesolo, in provincia di Vicenza. Quello che però doveva essere un pomeriggio di allegria e magica spensieratezza si è però trasformato in una violenta rissa. E il battibecco, purtroppo, è poi finito davanti a un giudice di pace, che ha appena condannato una donna di 43 anni, “istigatrice” della lite, a pagare una multa di 700 euro e a versare alla “rivale” un risarcimento di 2.500 euro per le ferite riportate.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il parapiglia allo spettacolo di Frozen davanti ai bambini

I tristi fatti risalgono al 5 gennaio del 2016, ma la sentenza del giudice di pace è arrivata solo lo scorso 27 settembre scorso. Protagoniste della singolare vicenda sono due mamme vicentine che avevano deciso di portare i figli allo spettacolo Frozen – Il mondo di ghiaccio. Secondo quanto ricostruito in tribunale, a dare origine alla lite è stata una delle due mamme quando ha messo la classica giacca sulla sedia per “prenotare” i posti in prima fila. Un gesto che non è stato per nulla gradito dall’altra mamma, che ha cominciato a insultarla e a inveire contro la rivale. Dalle parole alle mani il passo è stato breve: la 43enne, andata su tutte le furie, ha colpito con un ceffone e alcuni pugni l’altra mamma. Tutto questo – ed è probabilmente la cosa più grave di tutte – sotto gli occhi dei loro figli e degli altri bambini presenti.

C’è voluto l’intervento dei Carabinieri per separare e calmare gli animi delle due mamme, dopo di che è stata chiamata un’ambulanza per soccorrere la vittima del pestaggio, poi trasportata in ospedale. Ora, come accennato, il giudice di pace ha condannato la mamma che si è resa autrice dell’aggressione, la quale però ha già annunciato che intende fare ricorso, dal momento che la sua versione dei fatti è ben diversa. La 43enne sostiene infatti di essere stata colpita da un ceffone e di essersi semplicemente voltata, urtando senza volerlo l’altra donna. Al di là di chi alla fine avrà ragione, una cosa è certa: la missione educativa del genitore da questa vicenda esce sconfitta.

EDS