Guinea Equatoriale travolta dallo scandalo per via del figlio del Presidente

Le auto del figlio del Presidente della Guinea Equatoriale sono finite all’asta perché comprate con denaro proveniente dal riciclaggio.

auto sequestrate guinea equatoriale
iStock

Il figlio del presidente della Guinea Equatoriale si è visto confiscare da sotto al naso tantissimi i suoi beni, specialmente in automobili di estremo pregio e lusso. Non si tratta di Ferrari, Lamborghini o altre macchine di lusso o più facile da trovare sul mercato. No, al figlio del presidente della Guinea Equatoriale sono stati confiscati dei pezzi rarissimi come La Ferrari della Ferrari, La Veleno Spider della Lambo la One77 della Aston e tantissimi altri gioiellini automobilistici unici nel loro genere. Peccato però che, secondo i giudici del Tribunale non sono state comprate, ma ottenute con sistemi e metodi illeciti proprio dal figlio del presidente della Guinea Equatoriale.

Auto all’asta: lo scandalo in Nuova Guinea

Per chi non se ne intende queste sono auto come altre, ma invece non è così e il prezzo di ogni mezzo potrebbe aggirarsi attorno a milioni di euro. Accusato quindi di riciclaggio, tutte queste auto del figlio del Presidente, andranno ora all’asta in Svizzera. Gli esperti del settore sono letteralmente impazziti vedendo che tipi di automobili sono finite all’asta. Tre Lamborghini, cinque Bentley, sette Ferrari una McLaren… Come abbiamo detto, alcuni pezzi e modelli rarissimi, non quelli più classici, sono molto costosi. Pare che la stima dell’asta di tutte le auto sia di circa 17 milioni di euro. Attenzione però che il risultato in termini economici potrebbe salire nettamente perché ci sono degli appassionati che sarebbero veramente pronti a fare qualsiasi cosa per ottenere una di queste macchine. Oltre che spendere milioni e milioni di euro per averne una. Perché? Proprio perché sono nuove, tenute benissimo e il fascino proprio di questi mezzi di trasporto per i collezionisti è letteralmente alle stelle.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!