Batteria del cellulare esplode, studentessa di 14 anni muore durante la notte

Studentessa muore a causa dell'esplosione dello smartphoneUna studentessa di appena 14 anni è morta nella notte dopo che la batteria del cellulare, lasciato sul cuscino in carica, è esplosa causandone il decesso immediato.

Nell’era degli smartphone la maggior parte delle persone ha preso l’abitudine di coricarsi con il dispositivo elettronico ancora in mano. Il telefono è la prima cosa che si va a guardare la mattina, e l’ultima che si lascia prima di chiudere gli occhi e godersi il meritato sonno. C’è anche chi lo utilizza per favorire l’addormentamento, collegandoci delle cuffie per ascoltare della musica o vedere un film.

In linea di massima questi dispositivi sono sicuri, ma può capitare, specie se vengono lasciati in carica, che la batteria si surriscaldi è causi un incidente letale. Questo è quello che è successo alla giovanissima Alua Asetkyzy Abzalbek (14 anni) la scorsa notte. La ragazza, come da consuetudine, si è addormentata nella sua casa di Bastobe (Kazakistan), ascoltando della musica. La mattina dopo i familiari l’hanno trovata morta nel suo letto.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Studentessa muore a causa del cellulare

I genitori di Alua hanno compreso immediatamente che la situazione era grave ed hanno chiamato i soccorsi. I paramedici, però, non hanno potuto fare altro che costatarne il decesso. Dalle prime analisi è emerso che la causa della morte è stata l’esplosione della batteria dello smartphone. Pare che durante la notte si sia surriscaldata mentre era in carica e sia esplosa nelle prime ore della mattina causando danni letali al cervello della ragazza.

La morte della 14enne è stata archiviata dalla polizia kazaka come un tragico incidente domestico. Al momento non è chiaro quale fosse la marca dello smartphone che ha causato l’esplosione letale, né se la famiglia è intenzionata a fare causa al costruttore.