Home News Incidente Lady D, morto l’investigatore Mcnamara: “Conosceva dei segreti”

Incidente Lady D, morto l’investigatore Mcnamara: “Conosceva dei segreti”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:28
CONDIVIDI

Incidente Lady DL’investigatore privato Mcnamara che ha indagato sulla morte di Lady D è deceduto portando con sé alcuni segreti sull’incidente.

Sono passati 22 anni da quando Lady Diana ed il principe Dody Al-Fayed sono morti in un terrificante incidente stradale a Parigi. Tutt’ora ci sono persone convinte che la morte della principessa triste sia sospetta ed uno di questi era l’investigatore privato John Mcnamara. Nel 1997 l’investigatore lavorava come capo della sicurezza di Mohammed Al-Fayed ed il giorno stesso dell’incidente letale nel tunnel si è recato a Parigi per seguire le investigazioni e condurre qualche indagine parallela.

In un primo momento Mcnamara ha confermato i risultati delle indagini dichiarando che l’autista era ubriaco e che si era trattato di un terribile incidente. Ma anni dopo ha cambiato versione dei fatti. Nel 2008, davanti ad una commissione d’inchiesta, l’investigatore ha affermato di aver mentito sull’autista e sulla gravidanza di Lady D. Il procuratore a capo dell’inchiesta, però, non ha ritenuto attendibile la sua testimonianza e gli ha detto: “Tu hai mentito in alcune occasioni, come può la giuria crederti in altre?”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Incidente Lady D, Mcnamara conosceva dei segreti

Adesso che Mcnamara è deceduto a causa di una malattia che lo affliggeva da tempo, un suo amico ha rivelato al ‘Mirror‘ che l’investigatore ha mantenuto dei segreti per 20 anni. L’uomo ha spiegato che l’andamento delle investigazioni sul caso lo aveva turbato, lasciandogli una cicatrice indelebile. Ciò che non lo convinceva era: “La conservazione e la valutazione delle prove dell’incidente, i rottami della Mercedes e i campioni di sangue erano un disastro”. Il dubbio che potessero aver insabbiato qualcosa era forte e lo ha condizionato: “Lo ha colpito profondamente per il resto della sua vita. Ha portato qualche segreto nella tomba”.