Home News San Gennaro: si rinnoverà la liquefazione del sangue del Santo?

San Gennaro: si rinnoverà la liquefazione del sangue del Santo?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:57
CONDIVIDI

San Gennaro, liquefazione sangueOggi a Napoli e in varie parti del mondo si celebra San Gennaro. Grande attesa nel capoluogo partenopeo per il fenomeno della liquefazione del sangue.

Come ogni 19 settembre, anche in questo 2019 Napoli si blocca per celebrare il suo Santo Patrono: San Gennaro. I devoti cristiani si recheranno nella Basilica in cui sono conservate le reliquie del Santo partenopeo e assisteranno alla tradizionale Messa in ricordo. Il momento più atteso, però, sarà quello in cui l’Arcivescovo esporrà alla devozione dei fedeli le due ampolle contenenti il sangue coagulato.

I fedeli, infatti, attendono con impazienza questo momento, poiché sperano che si ripeta quello che è comunemente definito come il miracolo della liquefazione. Sebbene non vi siano a supporto prove scientifiche, si ritiene che nelle due ampolle ci sia il sangue di San Gennaro raccolto da una donna nel giorno del suo martirio, avvenuto il 19 settembre del 305 d.C. Le ampolle vengono esposte ai fedeli in tre diverse occasioni ogni anno: il sabato che precede la prima domenica di maggio, il 19 settembre ed il 16 dicembre. Il fenomeno della liquefazione, però, non è detto che si rinnovi in ogni occasione.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Napoli, oggi si celebra San Gennaro

Le celebrazioni per San Gennaro sono cominciate questa mattina intorno alle 8, quando alla Basilica del Santo è stata officiata la Messa. In seguito è giunto il momento della lettura della Passione di San Gennaro da parte di un membro della Cappella del Tesoro. In questi istanti il Cardinale Sepe, l’Abate De Gregorio e il sindaco De Magistris si stanno recando alla Cappella per aprire la cassaforte che contiene le ampolle. Nel corso della mattinata le ampolle ed il busto del Santo verranno portate in processione per le vie di Napoli. La processione culminerà con l’arrivo sull’altare maggiore della Cattedrale dove vi sarà una concelebrazione eucaristica. Alla fine di questa si verificherà se è avvenuta la liquefazione e, solo in quel caso, verrà annunciato l’avvenuto miracolo.