Home Destinazioni e Guide turistiche Pasteis de Belem, la pasticceria più antica di Lisbona

Pasteis de Belem, la pasticceria più antica di Lisbona

ULTIMO AGGIORNAMENTO 1:25
CONDIVIDI

pasteis de belem

La pasticceria Pasteis de Belem è la più antica e famosa di Lisbona e prepara il dolci tipico il pastel de nata

A Belem, questo quartiere di Lisbona un po’ fuori dal centro, lo si va a vedere per ammirare la splendida Torre, lo spettacolare Monastero dos Jeronimos, passeggiare lungo l’Oceano e fermarsi a guardare il monumento alle scoperte, ma poi c’è da dirlo si viene qui per i Pasteis de Belem, quei piccoli e squisiti dolci diventanti celebri e amatissimi.

A Belem si trova infatti una delle pasticcerie più antiche e buone di Lisbona, quella in cui questo dolcetto, il pastel de Belem, è nato. E la cui ricetta è custodita gelosamente da quasi 200 anni.

Che cos’è il pastel di Belem

Per conoscere questo dolcetto bisogna tornare indietro ad inizio 1800. A quel tempo Belem era una zona particolarmente attiva della città, con cantieri navali, costruzioni di palazzi e diverse fabbriche. Vicino al Monastero dos Jeronimos aprì in quel periodo anche una raffineria di zucchero con un piccolo negozio.

Dopo il 1820 per via della Rivoluzione Liberale i conventi vennero progressivamente chiusi e ben presto nel 1834 i monaci di Belem si trovarono in grave difficoltà economica. Ebbero così l’idea di usare lo zucchero della vicina raffineria e qualche altro semplice ingrediente per creare dei dolci da vendere.

Il successo fu immediato ed immenso nonostante a quel tempo raggiungere Belem voleva dire prendere un traghetto in tantissimi affollavano il piccolo negozio per assaggiare quei dolci rinominati ‘Pasteis de Belem‘. Nel 1837 il piccolo negozio accanto alla raffineria divenne così la Pasticceria Pasteis de Belem, la cui ricetta dei dolcetti tramandata dai monaci è tuttora top secret.

La pasticceria Pasteis de Belem

Dal 1837 questa pasticceria sforna dolcetti ogni giorno, arrivando oggi a prepararne fino a 20mila al giorno! Il negozio è infatti sempre strapieno, con la fila che arriva fuori dal locale. Nonostante ciò non ci si mette mai troppo a mettere sotto i denti questa squisitezza. Si può mangiare in pasticceria seduti al tavolo o portare via i pasteis. In questo caso assieme vengono date due bustine, una di cannella e una di zucchero a velo per esaltare il gusto dei pasteis.

Dopo il successo dei pasteis de Belem si sono ben presto diffusi in tutta Lisbona dei dolcetti identici chiamati pasteis de nata e sono diverse le pasticceri dove mangiarli. La ricetta originale però rimane segreta e dunque non si conoscono tutti gli ingredienti di questo dolcetto preparato a Belem. Sembra che la ricetta la conoscano solo in pochissime persone e che a prepararli siano appena in 3: il capo pasticcere e due suoi aiutanti. Il resto della squadra si limita a sistemare l’impasto e poi il ripieno.

I pasteis de Belem hanno una pasta croccante al profumo di burro, un ripieno molto morbido fatto con uova e zucchero e forse latte o panna. Ma sono ipotesi di ricetta, perché quella originale tramandata da 2 secoli la sanno solo i maestri pasticceri del locale.

Pasteis de Belem – Rua de Belém nº 84 a 92 – +351 21 363 74 23
Aperto tutti i giorni dalle 8 alle 23. Il 24, 25, 31 e 1 dicembre il negozio chiude alle 19.

CONDIVIDI
Articolo precedenteMilano shopping low cost: i migliori mercatini
Articolo successivoDove meditare in Italia: templi e ashram da scoprire
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.