Home News Tiziana Cantone, dagli USA parte l’inchiesta sui filmati in rete: coinvolti 100...

Tiziana Cantone, dagli USA parte l’inchiesta sui filmati in rete: coinvolti 100 italiani

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:19
CONDIVIDI

In Italia ancora non si muove nulla, mentre gli USA è partita una nuova indagine sulla diffusione dei filmati di Tiziano Cantone

Tiziana Cantone
Screenshot video

Il caso di Tiziana Cantone ancora non è stato chiuso. La mamma della povera ragazza, che si è suicidata dopo la diffusione di alcuni filmati amatoriali, vuole giustizia. Come svelato dall’edizione de “Il Mattino” negli USA è stata aperta un’altra indagine con nove indirizzi IP, collegati a sette account di siti porno che avrebbero pubblicato i filmati privati senza consenso. Inoltre, novantasei li avrebbero guardati senza denunciare dopo aver appreso del suicidio della giovane donna.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Tiziana Cantone, dagli USA parte l’inchiesta sui filmati in rete

La stessa madre di Tiziana, Maria Teresa Giglio, ha tenuto a ribadire ai microfoni di Adnkronos: “Finalmente qualcosa si è mosso a livello internazionale grazie alle leggi che ci sono negli Usa”. Poi ha aggiunto: “A tre anni dalla sua morte: è assurdo che in Italia nessuno faccia niente. Lo Stato non fa molto, hanno approvato la legge sul revenge porn che però è incompleta perché servono delle regole nuove, a cominciare da Facebook. Non possono più girarsi dall’altra parte dicendo che non hanno un obbligo di controllo preventivo”. Infine, ha concluso: “Si chiama Metodo M. Questo team si occuperà di individuare sia i server che pubblicano questi video illegali, tra cui ce ne sono anche alcuni cinesi, sia di denunciare l’azienda che li nasconde, che ne garantisce l’anonimato ovvero fa in modo che i responsabili dei vari siti non vengano individuati. Ci vogliono leggi che valgono in tutti i Paesi e devono responsabilizzare questi colossi che non possono passarla liscia. Mia figlia è ancora in Rete perché fa ancora guadagnare tanto. Due server stanno a Milano, anzi la maggior parte sono italiani”.