Home Destinazioni e Guide turistiche I borghi fantasma più belli d’Italia

I borghi fantasma più belli d’Italia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:22
CONDIVIDI
borghi più belli d'Italia
Civita di Bagnoregio (Thinkstock)

I borghi abbandonati più belli del nostro Paese. Il Telegraph stila la classifica dei migliori 25 borghi

L’Italia è disseminata di piccoli paesini, di incantevoli borghi medioevali, di villaggi adagiati su monti o su speroni di roccia. La lunga lista dei borghi più belli d’Italia  è lì a ricordare i tanti tesori del nostro Paese. Ma ci sono anche piccole realtà che con il passare degli anni o a causa di calamità naturali sono state abbandonate dai propri abitanti e in alcuni casi sono abitate da qualche decina di persone.

Diventano così dei borghi fantasma ovvero dei villaggi abbandonati. Palazzi e architetture sono quindi lì, ancora parzialmente in piedi, davanti ad un inesorabile declino. Per quanto ammantato di una certa tristezza è indubbio il fascino di questi luoghi.

I 25 borghi fantasma più belli d’Italia

L’autorevole quotidiano inglese Telegraph ha stilato la classifica dei 25 borghi fantasma più belli d’Italia. Un viaggio da Nord a Sud fra luoghi abbandonati ma che si trovano in posti fantastici: adagiati su colline o montagne con strepitosi panorami. Ci sono anche paesi con pochi abitanti ma che sopravvivono grazie al turismo e ai propri tesori. Insomma luoghi da vedere.

Craco, Basilicata
Questo villaggio risale all’XI secolo e un tempo aveva 2000 abitanti e perfino un’università. Poi una grande emigrazione all’inizio del 1900 gli fece perdere metà abitanti. Poi alluvioni e il terremoto del 1980 lo svuotarono completamente. Il paese è stato location di numerosi film tra cui la Passione di Cristo.

Consonno, Lombardia
Costruito nel 1960 con l’idea di frane una Las vegas Italiana il progetto non partì mai completamente e nel 1976 un’alluvione spazzò via la strada che portava alla città.

Argentiera, Sardegna
Qui un tempo si trovava una miniera di argento e quando venne chiusa nel 1963 il villaggio si svuotò. Qualcuno perà è rimasto e quei pochi guadagnano con il turismo, tanto che qualche palazzo è stato restaurato.

Balestrino, Liguria
Questo borgo medievale fu abbandonato nel 1953 ins eguito a numerosi terremoti. Poco distante fu costruita la nuova città che porta lo stesso nome. Al paese antico è tuttora vietato l’accesso ma gli splendidi campanili e cupole delle chiese di Santa Andrea e San Giorgio e il profilo del Castello bizantino rappresentano un panorama spettacolare.

Celleno, Lazio – In provincia di Viterbo questo paese sorto intorno al Castello Orsini in cima a una collina era un luogo strategico nel medioevo, ma subì poi un lento declino e fu abbandonato nel 1951 in seguito a numerosi terremoti. Oggi quest’antica parte del Comune di Celleno è meta di molto turismo e location di numerosi film.

Gairo Vecchio, Sardegna
Abbandonato nel 1960 per inondazioni questo antico villaggio attrare molti turisti fuori dalle rotte più battute della Costa Smeralda.

Ninfa, Lazio
L’antica città di Ninfa fu abbandonata a metà 1600 e solo nel 1920 Gelasio Caetani recuperò quegli antichi ruderi creando uno spettacolare giardino eletto frai più romantici del mondo. Oggi questo giardino di Ninfa in cui la lavanda si incontra con l’antica torre si può visitare con un biglietto a pagamento.

Pontedattilo, Calabria – Fondato come colonia greca nel 640 a.C. questo paese venne distrutto da un terremoto nel 1783 che provocò la fuga di molti, fu totalmente abbandonato nella metà del 1900. Oggi qualche struttua è stata ristrutturata e i turisti possono trovare un bar e un negozio di souvenir.

Leri Cavour, Piemonte
Questa piccola frazione di Trino in provincia di Vercelli era un possedimento della famiglia del Conte Camillo Benso di Cavour. Abbandonata negli anni ’60 oggi il villaggio, tra cui anche la chiesa e la tenuta di Cavour, sono in un grave stato di abbandono.

Monterano, Lazio
Questo antico paese fu colpito dalla malaria nel 1600 e poi saccheggiato dall’armata francese a fine 1700 portando i residenti ad abbandonarlo. Da allora resistono in piedi alcuni palazzi tra cui la Chiesa di San Bonaventura usata anche come scenografia nel film Ben-Hur.

Poggioreale, Sicilia
L’antica città di Pioggioreale fu distrutta da un terremoto nel 1968 e poco distante fu costruito il nuovo paese che porta lo stesso nome. Il vecchio paese è però visitabile nonostante lo stato di abbandono in cui versa da 50 anni.

Rocca Calascio, Abruzzo
Poche spettacolari rovine rimangono di questo posto di immenso fascino scelto non a caso come location di film come LadyHawke nel 1985. Si trova sul picco di una montagna, nel cuore dell’Abruzzo, fra le cime degli Appennini.

Romagnano al Monte, Campania
La vecchia città fu distrutta dal terremoto del 1980 e gli abitanti si spostatorono nella nuova città. Ora è un punto di attrazione turistica per le sue chiese in rovina e gli eleganti interni dei palazzi semi distrutti.

Roscigno Vecchia, Campania
Colpita da un’alluvione a metà 1900 è stata poi restaurata nel 2007 ed è ora aperta ai turisti.

San Severino, Campania
Fondata nel X secolo è stata progressivamente abbandonata per via dell’urbanizzazione. Si trova nel Parco del Cilento vicino alle spiagge e alla rovine romane di Paestum. Da qui si gode un panorama spettacolare.

Curon Venosta, Trentino Alto Adige
Questo paese venne sommerso nel 1950 per le esigenze della centrale idroelettrica e per la fusione di due laghi. Ad oggi l’unico indizio del fu paese è il campanile della chiesa che esce fuori dall’acqua.

Bussana Vecchia, Liguria
Questo paese medioevale subì un primo abbandono nel 1887 in seguito a un terremoto, venne poi ripopolato nel 1960 da una comunità di artisti. Oggi conta una settantina di residenti che vendono le loro opere ai turisti e ogni tanto hanno luogo degli eventi artistici.

Civita di Bagnoregio, Lazio
Questa incantevole paese sorge sopra una collina di tufo che sta lentamente sgretolandosi, da qui l’appellativo ‘la città che muore’. Dopo che nei decenni scorsi venne abbandonato è stato poi riscoperto dal turismo ed oggi per entrare bisogna pagare 5 euro.

Castello di Gorgonza, Toscana
Questo castello in cima a una collina ebbe un ruolo importante nel medioevo tanto che fu visitato da Dante nel suo esilio fiorentino. Perso il suo potere divvenne un centro contadino e dopo la Seconda Guerra Mondiale fu abbandonato, ma nel 1970 il proprietario terriero decise di dare nuova linfa a questo paese. Oggi questo paese è stato ristrutturato e vive nuovamente grazie al turismo.

CONDIVIDI
Articolo precedenteRoberto Tornabene ‘Berna’: carriera e successi del cantante
Articolo successivoMeteo inizio settembre 2019: dove ci saranno i temporali
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.