Home News Alaska, boscaiolo trova il messaggio del capitano 50 anni dopo

Alaska, boscaiolo trova il messaggio del capitano 50 anni dopo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:14
CONDIVIDI

Messaggio del capitano ritrovato dopo 50 anniUn uomo ha trovato una bottiglia contenente il messaggio di un capitano della marina russa, 50 anni dopo che è stato lasciato in mare.

Tayler Ivanoff, abitante della città di Shishimarf che si trova nello stretto di Bering, in Alaska, si è imbattuto in un insolito ritrovamento mentre faceva legna. L’uomo, infatti, si è trovato di fronte ad una bottiglia con dentro un messaggio. A quel punto Tayler ha aperto la bottiglia con i denti ed ha letto il biglietto sul quale si legge: “Cordiali saluti! Dalla nave della madre Russia della flotta dell’Estremo Oriente Vrxf Sulak. Invio un saluto a chi trova la bottiglia e chiedo di rispondere all’indirizzo Vladivostok-43 Brxf Sulak a me e a tutto l’equipaggio. Vi auguriamo buona fortuna, lunghi anni di vita e buona navigazione. 20 giugno 1969”.

Trattandosi di un messaggio di 50 anni prima era improbabile che si riuscisse a trovare l’autore dei cordiali saluti, ma Tayler ci ha voluto provare lo stesso. L’uomo ha postato sia la storia del ritrovamento che il contenuto del messaggio, corredati dalla foto della bottiglia e del biglietto. Il fine era di rintracciare il capitano che aveva scritto il biglietto e non ci è voluto molto prima che venisse adempiuto.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Messaggio ritrovato dopo 50 anni, l’autore è il capitano Botsanenko

Si è scoperto che l’autore del messaggio è Anatoly Botsanenko, ex capitano della Marina Militare russa che oggi ha 86 anni. Quando ha preso in mano il biglietto l’ex ufficiale pensava che la calligrafia non fosse la sua, ma dopo averlo letto si è dovuto ricredere: “E invece sono stato proprio io”. Nel 1969 il capitano si trovava a bordo della nave Sulak di cui aveva supervisionato la costruzione e sulla quale aveva navigato dal 1966 fino al 1970 per i mari di fronte all’Alaska. La gradita sorpresa lo ha convinto a scrivere un secondo messaggio, magari rivolto ai figli, nella speranza che possa essere ritrovato tra tanti anni.