Caserta, botte alla moglie malata di cancro: arrestato

Ennesimo episodio di violenza domestica a Caserta. L’uomo ha perso la testa quando lei ha deciso di separarsi trovando il coraggio di denunciarlo. 

Avrebbe picchiato la moglie per oltre dieci anni, dal primo giorno di matrimonio, e anche quando la poveretta era ricoverata e sottoposta a dolorose cure perché malata di tumore. Con queste accuse è stato arrestato a Caserta A.R., un 38enne pregiudicato cui si contestano i reati di maltrattamenti in famiglia, stalking e lesioni, continuati e aggravati. L’uomo non si “limitava” a picchiare la moglie ma infieriva violentemente anche sul loro bambino, stando al comunicato diramato dalla Polizia di Stato. In una circostanza avrebbe addirittura staccato i drenaggi cui la donna era attaccata per le terapie oncologiche.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’orrore nell’orrore in una famiglia di Caserta

Stando al quadro ricostruito finora dagli inquirenti, le violenze avrebbero coinvolto anche uno dei figli minori della coppia, e sono aumentate un anno e mezzo fa, quando la donna ha deciso di separarsi, trovando finalmente il coraggio di denunciare i maltrattamenti di quel marito violento. E’ a partire da quel momento che lui ha iniziato a pedinarla, a telefonarle a tutte le ore del giorno e della notte e a minacciarla in modo sempre più pesante. Fortunatamente, l’incubo è stato interrotto lo scorso sabato grazie all’intervento della Polizia, che ha arrestato l’uomo e l’ha condotto nel carcere di Santa Maria Capua Vetere. Ora il 38enne dovrà vedersela (di nuovo) con la giustizia.

EDS