Home News Gianni Togni, chi è: età, vita privata, carriera del cantautore

Gianni Togni, chi è: età, vita privata, carriera del cantautore

CONDIVIDI

Gianni Togni è uno dei cantanti italiani degli anni ’80 che più hanno segnato la musica pop nel nostro paese. Ecco tutto quel che c’è da sapere su di lui. 

Gianni Togni è un cantautore e attore italiano giunto all’apice del successo negli anni ottanta. Conosciamolo più da vicino ripercorrendo la sua carriera e le tappe principali della sua vita.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’identikit di Gianni Togni

Gianni Togni è nato a Roma il 24 luglio 1956. Dopo le prime esperienze musicali, anche come supporter ai concerti dei Pooh (aveva tra l’altro collaborato con il bassista Red Canzian), ha ottenuto un notevole successo nell’estate del 1980 con il singolo Luna inserito in unalbum dal titolo lunghissimo: …e in quel momento, entrando in un teatro vuoto, un pomeriggio vestito di bianco, mi tolgo la giacca, accendo le luci e sul palco m’invento…

Il cantautore viene apprezzato per la felice vena creativa e il suo successo è confermato anche negli anni successivi con gli album Le mie strade (1981), Bollettino dei naviganti (1982), Gianni Togni (1983), Stile libero (1984, uno dei primi in Italia pubblicato anche nella versione compact disc), Segui il tuo cuore (1985) e Di questi tempi (1987). Oltre a Luna, tra le sue canzoni più famose vanno ricordate Maggie (1978), Semplice (1981), Attimi (1981), Vivi (1982), Per noi innamorati (1983) e Giulia (1984, poi remixata nel 2003 da DJ Lhasa insieme a Gabry Ponte).

La vera svolta per Gianni Togni arriva nel 1988 con l’album Bersaglio mobile, che si differenzia nettamente dalla sua precedente produzione per raffinatezza e complessità, seguito nel 1992 da Singoli e, quattro anni più tardi, dalla raccolta Cari amori miei con cui vince il disco d’oro. Dopo di che le proposte dell’artista non hanno sempre incontrato il favore del pubblico. Nel ’94 e ’95 però, oltre a esibirsi nei suoi concerti, inizia a comporre le musiche di un futuro “primo musical italiano sinfonico” che si chiamerà Hollywood – ritratto di un divo e andrà in scena nel 1998 con protagonista Massimo Ranieri, un cast di venti cantanti-attori e la regia di Giuseppe Patroni Griffi, riscuotendo subito un notevole successo di critica e pubblico con tre anni consecutivi di repliche. Nel 1996 è la volta di Cari amori miei e nel 1997 esce Ho bisogno di parlare.

Se Gianni Togni non ha mantenuto nel tempo una grande popolarità, va però riconosciuto che in ogni sua canzone ha dimostrato di essere un bravo artista, fedele a uno stile semplice e fortemente popolare, quello del pop melodico, della musica leggera italiana che in lui vede uno degli esponenti più veri e genuini. Non a caso i suoi maggiori successi rimangono dei classici senza tempo. Negli ultimi anni Gianni Togni non ha pubblicato nuovi dischi, ma continua a esibirsi in concerti e lavora nel mondo della musica componendo per musical teatrali italiani ed europei, scrivendo anche musiche per trasmissioni televisive Rai e Mediaset.

EDS