Home News Milva, chi è il marito Maurizio Corgnati: vita e carriera

Milva, chi è il marito Maurizio Corgnati: vita e carriera

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:59
CONDIVIDI

Maurizio Corgnati è stato l’uomo che scoprì Milva, oltre che uno dei suoi mariti. Ecco tutto quel che c’è da sapere su di lui.

Maurizio Corgnati era noto al grande pubblico soprattutto per il suo legame sentimentale con Milva, con cui era stato sposato dal ’61 al ’69. Ma è stato lui stesso un personaggio importante nel mondo dello spettacolo, con una brillante carriera da sceneggiatore e regista televisivo. Conosciamolo più da vicino.

L’identikit di Maurizio Corgnati

Maurizio Corgnati, classe 1917, nacque a Maglione, un piccolissimo comune italiano di 424 abitanti della città metropolitana di Torino, in un’adorata casa-museo dove si sarebbe poi ritirato, dopo aver tagliato i ponti con il mondo dello spettacolo, e dove ha trascorso i suoi ultimi giorni di vita. E’ morto infatti il 30 marzo 1992, a 75 anni, per un male incurabile.

Il regista televisivo e, come detto, ex marito di Milva, era dotato di un ingegno eclettico, anche se amava definirsi semplicemente “un buon giocatore di scopa e un grande cuoco”. Prima di passare alla regia televisiva aveva diretto due film (“Le due verità” con Michel Simone nel ’53 e “Opinione pubblica” con Daniel Gelìn, Delia Scala e Carlo Campanini nel ’54) ottenendo un discreto successo di critica. “Purtroppo la gente lo riconosceva più per essere stato il marito di Milva che per quell’uomo di grande cultura che era in realtà – ha detto Letizia Di Maio, la seconda moglie di Maurizio Corgnati,  sposata nel ’76 -. Forse ora potrà essere ricordato per il suo talento…”.

L’incontro con Milva avvenne la sera del capodanno del 1960, durante la registrazione di un suo programma televisivo alla Rai di Torino, “Quattro passi tra le nuvole”. Lui era già un regista affermato e personaggio di spicco della cultura torinese (nel ’39 era anche stato arrestato per aver diffuso volantini di Giustizia e Libertà e aveva trascorsi da partigiano). Lei aveva solo sedici anni e veniva da Goro, paesino sperduto nelle Valli di Comacchio, cantava nelle balere e camminava scalza, non sopportando le scarpe. Nonostante tutto si innamorarono e convolarono a nozze. Il matrimonio con Milva fu anche un sodalizio professionale: durò dal ’61 al ’69 e finì in modo burrascoso, quando Milva incontrò sulle scene del “Ruzante”, un giovane attore, Mario Piave.

“Si portò via anche nostra figlia, Martina. La odiai per anni” raccontò Corgnati. Nel ’76 l’ormai ex marito di Milva sposò Letizia Di Maio e diventò padre per la seconda volta (di Giuditta). Con la nuova famiglia si ritirò nella sua amata Maglione, che decise di trasformare “nel centro di un mondo artistico globale, senza steccati e senza scuole”. E ci riuscì, potendo tra l’altro contare sull’amicizia di personaggi del calibro di Calvino, di Fruttero e Lucentini, di Gazzelloni e di pittori come Emilio Tadini, Mario Chessa e Francesco Tabusso. Nel frattempo, però, Maurizio Corgnati e Milva si erano riappacificati.

EDS