Home News Spread oggi martedì 16 luglio: andamento in tempo reale

Spread oggi martedì 16 luglio: andamento in tempo reale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:44
CONDIVIDI
Spread oggi
Borsa (iStock)

Scopriamo qual è il calore del differenziale tra Btp e Bund: ecco l’andamento dello spread in tempo reale oggi martedì 16 luglio.

Continua l’andamento positivo dello spread (ecco come funziona), anche ieri il differenziale tra Btp e Bund ha fatto segnare un leggero ribasso rispetto ai giorni precedenti nonostante le difficoltà palesate per quasi tutta la giornata dalle principali borse europee. Influenzate negativamente dall’andamento negativo della borsa cinese e dall’andamento a rilento di Wall Street, infatti, le Borse europee hanno faticato per quasi tutta la giornata di ieri, salvo chiudere in leggero rialzo (Piazza Affari ha chiuso con un timido +0.02%). Lo spread invece è sceso in mattinata sotto la soglia dei 190 punti (188) ed ha chiuso con un valore di 190 punti ed un rendimento decennale a – 4.24%. Il merito di questo costante andamento al ribasso lo si deve anche alla conferma del Dbrs che ha confermato il rating ‘BBB’ e dichiarato l’outlook stabile.

Ecco un grafico live attraverso il quale potete seguire in tempo reale l’andamento dello spread (Borse.it)

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’andamento degli spread europei

Se si eccettua il Belgio, il cui spread è salito sino a 49 punti ieri, l’andamento dei titoli di stato europei rispetto al Bund tedesco è decisamente positivo. La Danimarca ha registrato infatti un miglioramento sino ai 5.3 punti, i Paesi Bassi, dopo alcuni giorni sopra quota 30 punti, hanno visto scendere il differenziale a 20.5, bene anche l’Austria (21.8), la Finlandia (24.1), la Francia (27) e l’Irlanda (45.7). Il valore dello spread è sceso anche per gli altri Paesi europei visto che quello del Portogallo ha chiuso a 84.4 e quello della Spagna a 72.2. Bene anche i Paesi est europei, solitamente più deboli, con lo spread della Repubblica Ceca in calo a 168.7 e quello dell’Ungheria a 276.3.