Depilazione intima: dimmi come ce l’hai e ti dirò da dove vieni

DEPILAZIONE INTIMA DONNA UOMO DAL MONDO / ROMA – E’ stata dichiarata e non ci saranno sopravvissuti. Già signori, proprio così neanche uno. E semmai qualcuno dovesse opporre estrema resistenza, verranno usati metodi drastici e definitivi per estirparlo. Stiamo parlando della guerra al pelo che non conosce tregua ed oggi più che mai è rivitalizzata dalla moda del momento che impone la versione integrale, ovvero parti intime completamente depilate (sia di lei che di lui).

La depilazione non è un fatto recente, anzi. Già nell’Antico Egitto era una pratica comune per le donne, così come nell’Antica Grecia e nell’Antica Roma dove era anche un segno distintivo del ceto sociale. Nei secoli bui del medioevo viene sempre meno praticata e serve il periodo dell’illuminismo per portare un po’ di nuova luce su questa attività, che tornerà però fiorente in tutto il suo vigore soltanto nell’ultimo secolo complice la moda che impone le gambe scoperte.

In ogni caso nel mondo arabo la depilazione ha continuato a perpetrarsi nei secoli e indistintamente in tutte le classi sociali e i suoi riti antichi  proseguono ancora oggi. Anzi la ceretta araba (una miscela di miele, zucchero, acqua e limone) sta decisamente prendendo piede anche da noi in Occidente surclassando il nostro sistema depilatorio con la cera calda assai poco delicato per chi soffre di fragilità capillare.

In occidente chi ha dichiarato guerra al pelo senza se e senza ma è la Francia. In Oltralpe infatti sono nate le fufuniste – neologismo coniato dalla rivista Elle – ovvero donne le quali si preoccupano maniacalmente di estirpare ogni pelo – o anche solo l’ombra della presenza dell’odiato pelo – da tutto il corpo, pube compreso.

Dal Brasile si è diffusa poi la depilazione integrale del pube anche per gli uomini, definita ‘brozilian’. E sono in molti a sceglierla. C’è chi la pratica per una questione d’igiene, ma in molti sono soltanto fashion victim.

E a proposito di moda l’ultima in tema di pube ed epilazione arriva dall’eclettica New York che propone depilazione integrale delle parti intime e applicazione di pelliccia ecologica e colorata. Il fenomeno di ‘cambiare aspetto’ al proprio pube è trasversale ed uno dei Paesi in cui è più in voga è Israele dove proliferano centri estetici che provvedono ad acconciare i peli pubici (applicazioni di glitter, shampoo, profumi) ed ovviamente a dare un taglio creativo alla questione. Tanto che la nota casa di rasoi Wilkinson ha lanciato un rasoio dotato di mascherine per styling curiosi e fantasiosi.

E non è tutto. Dagli States arriva il parrucchiere del pelo pubico Pablo Mitchell che sull’argomento ha addirittura pubblicato un libro, Hot Snips, in cui svela i segreti per avere un intimo all’ultimo grido.

 

Previous articleDolce e Gabbana, regalo votivo alla Madonna: scoppia un caso diplomatico
Next articleSigarette, uomo trova la foto della moglie malata sul pacchetto
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.