Toto Cutugno, rivelazione choc sul tumore: “Al Bano mi ha salvato la vita”

0
2
"Al Bano mi ha salvato la vita"
(Screenshot Video)

Dopo la guarigione dal tumore Toto Cutugno ha rivelato a ‘I Lunatici’ che il suo caro amico Al Bano gli ha salvato la vita.

Ospite della trasmissione di Radio Rai 2 ‘I Lunatici’ Toto Cutugno ha parlato del tumore contro cui ha combattuto tempo addietro ed ha spiegato che per fortuna adesso si sente meglio. Nel parlare di come ha scoperto la malattia, il cantante ha rivelato di aver raccontato ad Al Bano le problematiche che lo affliggevano e di come questo gli abbia dato un consiglio che gli ha di fatto salvato la vita. Ancora oggi, Cutugno gli è riconoscente per averlo messo sulla strada giusta e non perde l’occasione per ringraziarlo in diretta nazionale.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Toto Cutugno rivela: “Al Bano mi ha salvato la vita”

Nel parlare di cosa lo abbia portato a pensare che fosse in pericolo di vita, Toto Cutugno svela che per un periodo di tempo era costretto ad alzarsi tre-quattro volte a notte per andare in bagno. Una situazione inedita che lo fece preoccupare e di cui parlò all’amico Al Bano. Fu proprio il cantante di Cellino San Marco a convincerlo a farsi controllare: “Mi sono confidato con Albano e mi ha consigliato un medico. Quel medico che si è accorto, alla prima visita, che non avevo una prostata, ma un melone”. Lo stesso Cutugno da poi un consiglio a tutti gli uomini: “Albano mi ha salvato la vita. Mi rivolgo agli uomini: fate prevenzione, cazzo”.

Da quel problema alla prostata sono partite altre analisi che hanno evidenziato un problema più grave: “Il dottore ha detto subito che era una cosa grave, avevo le metastasi del cancro che arrivavano quasi ai reni. Se non mi facevo operare subito le metastasi del cancro mi arrivavano ai reni ed ero finito”. Per fortuna adesso Cutugno sta bene ed è tornata a fare tournée in giro per l’Europa, specie nell’est dov’è ancora una star amatissima (nonostante in Ucraina abbiano provato a metterlo nella lista nera), e a condurre una vita normale: “Ora sto bene, ogni mese vado a fare i controlli, faccio un po’ fatica a camminare, mi stanco facilmente, però sto da Dio”.