Home Dove, come e quando Ora legale 2019: quando cambia in Italia

Ora legale 2019: quando cambia in Italia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:49
CONDIVIDI

ora legale 2019

Ora legale 2019 quando cambia in Italia, come vanno messe le lancette, quando viene abolito il cambio dell’ora

Dopo l’entrata della primavera il segno più tangibile che la bella stagione è arrivata sono le giornate che si allungano. E il passo definitivo in questo senso è quando spostiamo in avanti le lancette dell’orologio, ossia quando entra l’ora legale. L’ora cambia in Italia due volte l’anno: l’ultimo weekend di marzo, quando andiamo avanti di un’ora, e l’ultimo di ottobre, quando portiamo gli orologi indietro di un’ora, ovvero torniamo all’ora solare. Lo stesso avviene in contemporanea in tutta Europa dal 1996, ma siamo ormai alla fine di un’era. Il Parlamento Europeo ha infatti approvato l’abolizione dell’ora legale, ma ha rimandato il tutto al 2021. Fino ad allora dovremmo continuare a cambiare l’ora.

Leggi anche -> Ora legale e solare nel mondo: i Paesi in cui è in vigore

Ora legale 2019: quando entra in vigore

L’ora legale 2019 entrerà in vigore nella notte fra sabato 30 e domenica 31 marzo 2019. Alle ore 2 le lancette dell’orologio dovranno essere spostate avanti di un’ora, alle ore 3. Perderemo così un’ora di sonno che recupereremo ad ottobre, quando nella notte fra il 26 e il 27 ottobre 2019, riporteremo gli orologi indietro di un’ora e torneremo all’ora solare.

Il cambio dell’ora potrebbe dare in soggetti particolarmente sensibili alcuni disturbi come mal di testa, letargia, stanchezza, ansia e depressione. Altri potrebbero accusare gli stessi sintomi del jet lag, ossia del cambio di fuso orario. In ogni caso nel giro di qualche giorno i sintomi spariranno. E’ consigliabile la notte del 30 marzo cenare leggeri e andare a dormire alla solita ora, evitando di strafare. Mantenere quindi le proprie abitudini senza stravolgere, ma abituandosi piano piano al nuovo orario.

Potrebbe essere la penultima volta del cambio dell’ora legale. Il Parlamento europeo ha infatti approvato l’abolizione dal 2021 ed ora sta ad ogni singoli Paese decidere quale orario adottare. L’Italia probabilmente sceglierà, assieme agli altri Paesi del bacino mediterraneo di adottare l’ora legale tutto l’anno. Un cambiamento storico.