CONDIVIDI

Morta avvelenata Imane Fadil, testimone chiave del processo Ruby – VIDEO. 

Imane Fadil, la testimone chiave del processo Ruby, quello nel quale è imputato Silvio Berlusconi insieme ad altre persone, è morta a soli 34 anni. La giovane ex modella si trovava ricoverata da un mese ed è deceduta senza che i medici riuscissero a salvarla. In base a quanto si apprende la Fadil è stata uccisa per avvelenamento da sostanze radioattive. E’ quanto emerso dagli esiti degli esami tossicologici disposti lo scorso 26 febbraio dai medici dell’Humanitas di Rozzano. La morte è avvenuta il primo marzo scorso ma solo oggi è stata resa nota. “Al decesso della paziente, il 1 marzo scorso, l’Autorità Giudiziaria ha disposto il sequestro di tutta la documentazione clinica e della salma. Il 6 marzo, Humanitas ha avuto gli esiti tossicologici degli accertamenti richiesti, lo ha prontamente comunicato agli inquirenti”, è questo il comunicato ufficiale emesso oggi dall’istituto sanitario lombardo.

Si aprono ora inquietanti scenari sulla vicenda e sull’intero processo Ruby. La vittima aveva chiesto di essere parte civile nel processo Ruby Ter ma i giudici le avevano negato questa opportunità. Recentemente aveva anche annunciato di aver pronto un libro nel quale avrebbe rivelato molti altri dettagli sulle ormai famigerate “cene eleganti” di Arcore.

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore