CONDIVIDI

 
La giornalista-cuoca Benedetta Parodi è scoppiata in lacrime, vittima di uno scherzo delle Iene. Ecco cos’è successo. 

Lo scherzo è bello quando è corto, recita un vecchio adagio. E secondo Benedetta Parodi, quello ordito dalle Iene nei suoi confronti è durato decisamente troppo. La giornalista-cuoca è stata ridotta in lacrime: “Ho provato disagio, non ero contenta che andasse in onda”, ha poi commentato su Instagram, confessando di aver avuto una “paura mostruosa per mia figlia”. Nicolò De Devitiis le ha fatto credere che la piccola Matilda, 16 anni, si fosse presa una cotta per un suo collega, lo chef Marco, che di anni ne ha 37.

Il terribile scherzo delle Iene è stato trasmesso nella puntata di ieri, domenica 10 marzo, su Italia Uno e commentato dalla giornalista e conduttrice poco fa su Instagram. Il baffuto chef Marco ha sedotto la figlia di Benedetta Parodi, con la complicità del di lei marito Fabio Caressa, e l’ha portata a casa sua con la promessa di un tatuaggio. Nonostante i consigli e i moniti di sua madre, Matilda appare completamente in balia dell’uomo. Alla fine, esasperata, Benedetta arriva a prenderla per i capelli pur di portarla via dalla casa di un amico tatuatore.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Lo sfogo di Benedetta Parodi sui social

“Iene disgraziate” sbotta sui social Benedetta Parodi, che ci è cascata in pieno ed è scoppiata in un pianto liberatorio quando le è stato svelato che era tutto uno scherzo. “Devo ringraziare le centinaia di persone che mi hanno scritto per solidarietà materna dopo aver visto lo scherzo delle Iene”, aggiunge. “Mi ha fatto piacere vedere che si sono commosse, che hanno detto che anche loro si sarebbero comportate in questo modo. Devo dirvi che dopo aver subito questo scherzo avevo una sensazione di fastidio per essermi così scaldata. Non ero per niente contenta che andasse in onda perché sono una timida. Invece ho visto che la mia reazione è stata capita e apprezzata. Ho avuto una paura mostruosa che facessero del male a mia figlia e quindi nel sollievo poi mi sono messa a piangere”.

EDS