Home News Vittorio Brumotti minacciato di morte, spunta un proiettile: cosa è successo

Vittorio Brumotti minacciato di morte, spunta un proiettile: cosa è successo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:37
CONDIVIDI

Vittorio brumotti minacciato proiettileVittorio Brumotti e la troupe di Striscia la Notizia erano a Zingonia per un servizio sullo spaccio di droga in un complesso, ai piedi del furgone di servizio è stato fatto ritrovare un proiettile. 

E’ successo ancora. Vittorio Brumotti e la sua troupe sono stati vittima di un’aggressione. Stavolta non direttamente fisica. Ma agli inviati di Striscia la Notizia è stato tirato di tutto dai balconi di un quartiere Bergamasco, dove stavano girando un servizio per documentare la fiorente attività di spaccio di droga messa in piedi dalle organizzazioni criminali del posto. Stavolta, però, chi si è evidentemente sentito danneggiato dal lavoro svolto dal campione di bike trial e dal resto della squadra, non si è fermato a intimidazioni ‘leggere’. Perché nei pressi del furgone con il quale Brumotti e gli operatori sono arrivati a Ciserano, località Zingonia, è stato fatto ritrovare un proiettile. Insomma, una minaccia di morte nemmeno tanto velata.

Per essere aggiornato su tutte le notizie: CLICCA QUI!

Vittorio Brumotti minacciato di morte nel Bergamasco: piazzato un proiettile ai piedi del furgone della troupe di Striscia la Notizia

L’immagine del proiettile, fatto ritrovare ai piedi del furgone della troupe di Striscia la Notizia, è stata diffusa proprio dalla redazione del programma satirico. Il servizio di Vittorio Brumotti sullo spaccio di droga che avviene in un quartiere di Cesarano, a Zingonia (nel Bergamasco), andrà in onda nell’edizione di lunedì 4 marzo su Canale 5. Il campione di bike trial da poco più di un anno gira l’Italia per documentare lo spaccio di droga in diversi quartieri. Uno scenario che, purtroppo, si ritrova anche a Ciserano in un complesso di edilizia popolare “che a breve sarà demolito per ridare il territorio ai bravi cittadini”, afferma Brumotti. Alla sua vista, i pusher si sono dati alla fuga. Ma dai balconi, i residenti hanno iniziato a scagliare diversi oggetti nei confronti della troupe. E non solo, perché quando hanno fatto ritorno al furgone, gli operatori vi hanno trovato un proiettile. Un segnale eloquente, una minaccia chiara.