Home News Terremoto Puglia, trema la costa in serata: spavento tra la gente –...

Terremoto Puglia, trema la costa in serata: spavento tra la gente – FOTO

CONDIVIDI
terremoto brindisi
Scossa di terremoto in nottata a Brindisi, panico tra la gente (Websource/archivio)

Una scossa di terremoto è stata avvertita in maniera distinta ieri sera lungo le coste della Puglia. Molti residenti sono scesi in strada.

Un terremoto ha fatto tremate in maniera evidente in Puglia, lungo la fascia costiera di Brindisi e dintorni. La scossa si è verificata ieri in serata, poco prima delle ore 23:00. Erano per la precisione le 22:56 quando il movimento tellurico si è manifestato nel Mare Adriatico, con intensità pari a magnitudo 3.3 della scala Richter, stando a quanto registrato dai sismografi dell’Istituto Nazionale di Geofisica e di Vulcanologia, oltre che da quelli del Centro Nazionale dei Terremoti. L’epicentro si è avuto ad una distanza di soli 5 km dalla località di Torre Santa Sabina, ma è stato sentito fino alla provincia di Bari e nello specifico a Monopoli. Non risultano esserci danni a cose o persone, anche se non pochi residenti locali hanno avvertito il terremoto e sono scesi in strada, presi da un comprensibile spavento. I centralini dei vigili del fuoco hanno ricevuto diverse telefonate di segnalazione relative all’evento.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Terremoto, prima di Brindisi era toccato al Gargano

Un altro fenomeno sismico aveva avuto luogo sempre in Puglia tra il 10 e l’11 febbraio scorsi. Ad essere interessata dal terremoto era stata l’area che si staglia davanti al Parco Nazionale del Gargano, con Vieste in particolare come località maggiormente interessata da queste scosse. La famosa località balneare situata in provincia di Foggia è stata colpita da due eventi. Il più forte era stato di magnitudo 3.2 con epicentro a 20 km dalla riva, l’altro invece è avvenuto il giorno dopo, con intensità minore, pari a 2.7 gradi. Invece il 9 febbraio la terra era tornata a tremare nel Catanese, dopo l’intensa attività dell’Etna tra dicembre e gennaio con relativi movimenti sismici.