Home News Julen morto nel pozzo, il padre senza pace: “Vedo solo una cosa…”

Julen morto nel pozzo, il padre senza pace: “Vedo solo una cosa…”

CONDIVIDI

Julen, il bambino spagnolo morto nel pozzo, il padre senza pace: “Vedo solo una cosa quando chiudo gli occhi, quel buco. E mi maledico per esserci andato”.

(JORGE GUERRERO/AFP/Getty Images)

Ormai è passata una settimana dal dramma del piccolo Julen, ritrovato morto in fondo a un pozzo, nei pressi di Malaga, dopo 13 lunghi giorni. Suo padre José, in più occasione, ha ricostruito quello che è accaduto quasi tre settimane fa. L’uomo non riesce a darsi pace e anche oggi ha ribadito: “Chiudo gli occhi e vedo la stessa cosa: il pozzo”. All’uomo non manca il conforto degli amici, che lo invitano a casa loro per divagarsi magari con una partita alla Playstation.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il dolore di José Rosellò, il padre del piccolo Julen

José Rosellò si è sfogato: “Mi maledico, maledico quel giorno, maledico di essere andato in quel posto. Non andrò più in campagna, non mangerò più la paella”. Lui e la moglie Vicky, entrambi 29enni, non vogliono tornare nella casa di famiglia, che è stata donata loro da una zia, vicino Malaga. Tutto infatti ricorda loro di Julen: “Prima vivevamo con la mia famiglia, ma quando è successo di Oliver, il nostro bimbo morto nel 2017, abbiamo dovuto andare via. Tutto ci riportava a lui”. Adesso la tragedia per questa giovane coppia si ripete.

Solo pochi giorni dopo è terminata, con il risultato peggiore, l’operazione di salvataggio di suo figlio Julen, José Rosellò aveva rilasciato un’intervista per ringraziare tutti coloro che erano stati vicini fisicamente e con il cuore alla coppia in questo periodo. Il giovane papà sarà “eternamente grato” a “guardia civile, vigili del fuoco, minatori, ingegneri, operai, psicologi, di emergenza 112, volontari della Protezione Civile, i vicini Totalán, El Palo … la donna che ci ha dato la casa, il colonnello – Jesus Esteban- e la subdelegada – Maria Gámez -, che mi hanno ascoltato, con le mie lamentele, le mie proteste”. Lui e la moglie Vicky hanno letto tutti i messaggi di supporto che sono arrivati non solo dalla Spagna, ma da diversi paesi del mondo, come l’Italia, la Svizzera, la Germania. Dei piccoli gesti per lenire un grande dolore.