Home Meteo Meteo notte di San Silvestro e Capodanno 2019: arriva il gelo

Meteo notte di San Silvestro e Capodanno 2019: arriva il gelo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:59
CONDIVIDI
meteo capodanno 2019
Freddo e neve in arrivo (GettyImages)

Previsioni meteo per la notte di San Silvestro 2018, Capodanno 2019 e inizio gennaio. Ecco come inizia il nuovo anno

Nella notte più lunga dell’anno non arriverà solo il 2019, ma anche un cambio netto del tempo. Il nuovo anno inizierà infatti sotto l’egida del freddo e del gelo con la neve che farà capolino anche in pianura al centro e al Sud. Ma soprattutto nei primi giorni del nuovo anno a detestare l’attenzione saranno le temperature che scenderanno vorticosamente portandosi sottozero perfino a -10 gradi in città come Trento.

Per la notte di Capodanno 2019 il meteo sarà ancora però piuttosto clemente. Chi ha deciso di trascorrere la notte di San Silvestro in piazza può quindi tirare un sospiro di sollievo: farà freddo, questo sì, ma non eccessivamente. L’aria fredda polare, quella che ci farà davvero battere i denti arriverà nei primi giorni del nuovo anno e per la Befana dovrebbe arrivare la neve.

Leggi anche -> Capodanno 2019: il programma nelle piazze d’Italia

Meteo notte di Capodanno, 31 dicembre 2018: calo delle temperature

Nella notte di San Silvestro 2018 dalla porta di Bora inizierà a penetrare in Italia aria fredda dall’Europa Nord Orientale. A fare maggiormente le spese di questa irruzione saranno le regioni adriatiche, quelle centrali e meridionali. Assieme arriverà dell’instabilità con precipitazioni che interesseranno alcune zone del basso adriatico e del meridione. Abruzzo, Molise, Gargano e poi varie zone della Puglia, Calabria Ionica e Sicilia settentrionale sono le zone dove sono attese piogge sparse dal tardo pomeriggio e nella nottata. Altrove invece il cielo si manterrà stabile: soleggiato durante la giornata, sereno in nottata.

Per quanto riguarda le temperature non sono previste variazioni al Nord, mentre al Centro e al Sud ci sarà un calo termico. Le minime comunque si manterranno sopra lo zero ovunque, ad esclusione di Trento che in nottata segnerà un -3. La notte di Capodanno 2019 sarà fredda, ma in linea con il periodo. A Milano, Firenze e Bologna 0 gradi, Torino 2,  Perugia  e Ancona 3 gradi, Roma, Napoli e Catanzaro 4 gradi, Cagliari 5 gradi, Genova e Bari 7 gradi, Palermo 9 gradi.

Meteo Capodanno 2019: l’anno inizia con il gelo

Nella giornata di Capodanno 2019, ossia il 1 gennaio 2019, il sole splenderà su tutta Italia. Le nubi e le precipitazioni che nella giornata e nottata del 31 dicembre hanno vessato alcune zone adriatiche e meridionali d’Italia tenderanno a sparire lasciando un tiepido sole a riscaldare il primo giorno del nuovo anno. Il termometro non subirà grosse variazioni: le massime anzi potranno salire per effetto dell’irradiazione solare, le minime saranno stazionarie o in calo di un grado. Ben diversa la situazione dal 2 gennaio quando l’Alta Pressione si sposterà verso il Nord Europa innescando la discesa verso l’Italia di aria gelida polare.

Dal 2 gennaio assisteremo ad un’inesorabile calo termico con le minime che si porteranno abbondantemente sotto lo zero pressoché ovunque, tranne Sicilia e Sardegna che si manterranno più coperte da questa ondata. Dal 3 gennaio arriverà la neve pure sulle coste di Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata e Campania. Fiocchi sui rilievi collinari di Sicilia e Calabria. L’ondata di neve non si arresterà, così come il freddo gelido che continuerà imperterrito per giorni almeno fino alla Befana quando l’ondata di neve potrebbe spingersi fino al Lazio e a Roma.

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteVacanze sulla neve low cost: la top 6 delle mete in Europa
Articolo successivoDiscorso di fine anno del presidente Mattarella, dove vederlo: diretta tv e streaming
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.