Home News Lory Del Santo a Domenica Live: “Ecco come è morto davvero mio...

Lory Del Santo a Domenica Live: “Ecco come è morto davvero mio figlio”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:30
CONDIVIDI
Morte figlio Domenica Live
(Screenshot)

Lory Del Santo a Domenica Live: “Ecco come è morto davvero mio figlio”. 

Lory Del Santo, appena uscita dalla casa del Grande Fratello Vip, torna nel salotto di Domenica Live e parla ancora una volta della morte del figlio Loren, suicidatosi a soli 19 anni.

La Del Santo parlando del fidanzato Marco Cucolo ha spiegato: “Il caso era di una assoluta incapacità di capire che c’erano dei problemi che non erano evidenti. Ero talmente sorpresa che non volevo nemmeno crederci. Da questo momento lui era lì è stato bravissimo dire anche le cose giuste in certi momenti. A volte anche il silenzio che ti consola, io ci sono. Ci sono delle cose irrisolvibili. Mi ha solo detto “Ci sono io e ci sarà per sempre”.

“Il dolore è una cosa che uno pensa che abbia un limite, un perimetro. Qui ho provato un dolore doppio, vedevo un’altra persona che era così distrutta (Devin) da questi eventi… Eravamo in due a non aver compreso quello che poteva succedere. E’ caduto in una crisi di dolore così profonda che non sapevo più quante volte doppie avrei dovuto soffrire. Un dolore che faceva a pugni con un altro. Non dormivo la notte per gli eventi e per la preoccupazione per lui”.

Leggi anche –> Lory Del Santo sconvolta per la morte del figlio 19enne

“Loren aveva una malattia, quello che ha fatto non è dipeso dalla sua volontà. La mia preoccupazione era che era troppo bravo, troppo perfetto. Non si lamentava mai di niente. Lui era contento di quello che aveva, non chiedeva mai di cose in più. E’ una malattia talmente diabolica che ho perso ore a pensare come non ho potuto accorgermi di questa malattia… Era due persone nella stessa persone. Abbiamo trovato una frase con scritto “Come a fare da due persone a diventare una sola persona”. Ha scritto in un angolo di un quaderno: “Come si fa a scomparire?” Quando diventava Loren non si ricordava di essere stato l’altra persona